Sardegna

Malati di Sla, Usala di nuovo in sciopero della fame

Un nuovo sciopero della fame, questa volta totale, e l’annuncio di un presidio permanente da domani sotto gli uffici della Regione in viale Trento a Cagliari. Salvatore Usala, segretario del Comitato 16 novembre, l’associazione degli ammalati di Sla e di altre patologie invalidanti, dissotterra ancora una volta l’ascia di guerra, appena un mese dopo l’incontro in Regione con il presidente Francesco Pigliaru e l’assessore alla Sanità Luigi Arru, conclusosi positivamente e con garanzie sui corsi per gli assistenti e sul progetto di assistenza sperimentale proposto dallo stesso Usala.

“Pigliaru e Arru sono incapaci di mantenere qualsiasi impegno- attacca ora Usala-. Sono sei mesi che promettono e disattendono. Questa volta la delibera l’hanno fatta, ma è un vergognoso atto solo per soddisfare gli stupidi, un Dgr vuoto di qualsiasi contenuto”.

Le richieste di Usala sono note: il ripristino di 4.607.000 euro di fondi nazionali riservati, “che avete utilizzato impropriamente per pagare fondi ordinari- sottolinea- vogliamo subito la delibera condivisa”; il ripristino immediato dell’assistenza dell’Asl di Carbonia gestita dalle rianimazioni; infine 24 ore di assistenza infermieristica, “come previsto dal Dgr 10/43 del 2009”, conclude il leader dei malati di Sla.

23 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»