Mondo

Siria, Barrel bombs sui civili a Aleppo. Scontri in tutta la provincia

ROMA – Ancora Barrel bombs sui civili: a darne notizia e’ l’Osservatorio siriano per i diritti umani (Sohr). L’esercito regolare ha mirato questa volta sul quartiere di Al-Muhandisin, causando la morte di almeno 12 persone. Ieri invece l’esercito di Assad a Douma- gia’ teatro di un terribile bombardamento nel mercato a fine ottobre, che ha causato quasi 60 morti- ha fatto 7 vittime tra i civili, tra cui 3 bambini, come conferma anche l’emittente araba Al-Jazeera.

barrel bombs

Coinvolta tutta l’area circostante il governatorato di Aleppo, e anche parte di quello di Idlib e Hama. Finora si sa di 7 civili uccisi sabato, ma il bilancio potrebbe essere molto piu’ alto. L’aviazione russa ha pesantemente colpito le zone circostanti le citta’ piu’ a ovest di Aleppo, piu’ precisamente Al-Zerbah e Al-Meyassar, per riottenere il controllo dell’autostrada che conduce a est, verso Raqqa. Fonti riferiscono dell’attuale avanzata dell’esercito governativo verso Dayr Hafer, cittadina posta sotto il controllo dei miliziani del Califfato. A est di Aleppo invece, verso la mezzanotte di ieri nuovi violenti scambi a fuoco tra i militari e i combattenti di Jabat Al-Nusra nella zona che circonda i villaggi di Al-Eis e Al-Hader, riconquistata peraltro qualche giorno fa, mentre dal cielo proseguivano i bombardamenti dell’aviazione russa. Ci sono state perdite da ambo i lati, come riporta l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Nel centro della bufera anche l’area dell’aeroporto militare di Kweres, piu’ a nord, sempre contro le forze dello Stato islamico: ucciso un comandante dell’esercito regolare. A sud, i soldati sostenuti dagli Hezbollah iraniani e da altre milizie- siriane e non- fedeli ad Assad si sono confrontate coi jihadisti di Jabat Al-Nusra verso Al-Eis. Infine barrel bombs anche nell’area compresa tra il governatorato di Idlib e Hama, sui villaggi di Kafar Zita e Al-Latamina. A Kafr Nubol un uomo e’ stato rapito da un battaglione dell’Isis. Scontri anche tra i jihadisti e le milizie curde dell’Ypg nei pressi di Raqqa. (Dire-Misna)

23 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»