A Catania perquisita nave Save the children. La ong: "Noi estranei a indagini" - DIRE.it

Welfare

A Catania perquisita nave Save the children. La ong: “Noi estranei a indagini”

ROMA – La nave Vos Hestia di Save the Children è stata perquisita questa mattina non appena ha attraccato al porto di Catania. La perquisizione è stata disposta dalla Procura della Repubblica di Trapani che da mesi ha avviato una inchiesta su alcune ong sospettate di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

“I REATI COMMESSI DA TERZI; NESSUN INDAGATO TRA DI NOI”

La ong, dal canto suo, si dice estranea alle indagini. “L’operazione di oggi da parte delle Autorità competenti a bordo della nave Vos Hestia– si legge in un comunicato di Save the Children- è relativa ad una ricerca di materiali per reati che, allo stato attuale, non riguardano Save the Children. È quanto si legge in una nota della stessa associazione. “Infatti, come si evince dallo stesso decreto di perquisizione, la documentazione oggetto di ricerca è relativa a presunte condotte illecite commesse da terze persone“, spiega la onlus.

“Ribadiamo con forza- prosegue il comunicato- che Save the Children ha sempre agito nel rispetto della legge durante la propria missione di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo e confermiamo, pertanto, ancora una volta, che l’Organizzazione non è indagata. Tutte le operazioni sono state condotte in strettissimo coordinamento con la guardia costiera italiana e nella massima collaborazione con le autorità. La nostra missione è sempre stata guidata unicamente dall’imperativo umanitario di salvare vite“. Infine, conclude Save The Children, “confidiamo che la magistratura, nella quale l’Organizzazione ha piena fiducia, faccia immediata chiarezza sull’intera vicenda”.

23 ottobre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»