Arriverà l’amore, online il nuovo singolo di Emma VIDEO

ROMA – È online il video di “Arriverà l’amore”, il nuovo singolo di Emma.  Da oggi è in rotazione radiofonica, sulle piattaforme streaming e nei digital store: su iTunes è arrivato subito al 1° posto della classifica dei brani più acquistati. Il singolo anticipa l’uscita del suo nuovo album di inediti di Emma.

È stata la stessa Emma a pensare e a scrivere il soggetto del video di “Arriverà l’amore”, nel quale ha voluto che venissero raccontate delle storie alle quali ha assistito da vicino. Nel video è spettatrice di un caso di violenza su una donna che di fronte agli occhi innocenti di suo figlio viene maltrattata dal marito, e di una vicenda di omofobia verso una coppia di ragazzi, “colpevoli” di volersi abbracciare in pubblico: episodi in cui Emma si è casualmente imbattuta negli scorsi mesi, nel periodo in cui stava lavorando in studio di registrazione, assistendo con i suoi occhi a casi che lasciano un profondo senso di ingiustizia e tristezza e di fronte ai quali non si può restare indifferenti.

Emma 201545932_foto di Luisa Carcavale_b

“L’amore di una bambina per il suo sogno, l’amore che si spezza davanti agli occhi dei più piccoli e degli indifesi, l’amore che non si può dire, l’amore che qualcuno non vuole ancora vedere ma esiste, l’amore per se stessi che molto spesso viene meno, come la fiducia e il coraggio di continuare a credere in qualcosa di vero- spiega la cantante sui social per descrivere l’essenza del nuovo singolo-. L’amore ha tante forme e tante vite, muore e si rigenera più forte di prima, l’amore dovrebbe venire prima di ogni cosa. L’amore arriva nelle nostre vite. L’amore guarisce. L’amore non ferisce, non deride e non uccide nessuno. Io canto questo amore perché ci credo. Ci metto l’anima e la faccia senza abbassare lo sguardo, è il mio dovere! Con il cuore pulito si può andare ovunque senza avere paura”.

Il video, scritto da Emma, è stato diretto da Luisa Carcavale e Alessandro Guida.

 

23 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»