Welfare

Sorpresa, sono tanzaniani i bimbi più in forma

bambini_tanzania
ROMA – I bambini islandesi corrono, ma vuoi mettere i tanzaniani: i più in forma, stando a uno studio pubblicato questa settimana sul British Journal of Sports Medicine, sono proprio loro. La ricerca è stata coordinata nell’arco di 20 anni dal professor Tim Olds, dell’Università dell’Australia meridionale. Convinto che la chiave per calcolare lo stato di forma siano i cosiddetti “beep test”: corse di 20 metri, avanti e indietro, a velocità sempre più sostenuta finchè non ci si ferma stremati. Messi alla prova, un milione e 100 mila bambini di 50 Paesi hanno dato risultati per certi versi sorprendenti rispetto all’ultima rilevazione, risalente al 2004: i più tonici sarebbero i tanzaniani, che hanno scavalcato in classifica gli islandesi, a loro volta seguiti da estoni, norvegesi e giapponesi. A fermarsi per primi sono stati invece messicani, peruviani, lettoni, coreani e statunitensi.

“I risultati dei test – spiega Olds – consentono di calcolare quale potrà essere in futuro la capacità aerobica dei ragazzi e dunque la loro velocità”. Ma perchè hanno vinto i tanzaniani? Il segreto, nonostante la povertà diffusa nel Paese africano, starebbe nella vita comunitaria. “Ci siamo resi conto che in tutti i Paesi c’è un legame, non forte ma comunque rilevante tra benessere e disuguaglianze” ha detto il professore australiano: “Più un Paese è egualitario, più la gente è in forma”.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

23 settembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»