AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE sardegna

Trivelle, Ganau: “Riaprire il confronto con lo Stato”

CAGLIARI – “Oggi l’aula si è espressa per ristabilire un principio importante: riaffermare le primarie competenze dei territori e delle popolazioni su scelte che andrebbero a condizionare l’ambiente e la vita dei sardi”. È il commento del presidente del Consiglio regionale della Sardegna, Gianfranco Ganau a margine della votazione in aula delle due mozioni e rispettivi ordini del giorno con i quali viene attivata la procedura per l’indizione dei referendum abrogativi relativi ad alcune parti dell’articolo 38 del decreto legge 133/2014 (Sblocca Italia) e dell’articolo 35 del decreto legislativo 83/2012 (decreto Sviluppo). Le due leggi nazionali regolano le autorizzazioni e gli espropri su ricerca ed estrazione di idrocarburi nel sottosuolo e in mare.

“Il 30 settembre- sottolinea Ganau- depositeremo i quesiti referendari presso l’Ufficio centrale della Corte di Cassazione insieme alle altre regioni che come la Sardegna hanno sottoposto alle rispettive assemblee elettive il ricorso al referendum, così come stabilito all’unanimità lo scorso 11 settembre dall’assemblea plenaria della conferenza dei presidenti dei consigli regionali. L’obiettivo- conclude il massimo rappresentante dell’Assemblea sarda- è quello di riaprire un confronto e una trattativa con lo Stato per una rivisitazione di alcune delle norme contenute nello ‘Sblocca Italia’ e nel ‘Decreto Sviluppo’ che di fatto andrebbero ad accentrare a livello statale scelte e decisioni che sono proprie delle comunità regionali, esercitando sino in fondo il ruolo istituzionale delle assemblee legislative”. Sinora hanno approvato le delibere per attivare la richiesta di referendum abrogativi i Consigli regionali della Basilicata, delle Marche, del Molise e della Puglia.

Nella seduta di oggi in Aula, la mozione riguardante l’articolo 38 dello ‘Sblocca Italia’ è passata con 53 voti favorevoli, e uno solo contrario, quello del consigliere del Pd Gavino Manca: “Mi dissocio da questo Consiglio regionale, voto contro le mozioni non sul merito, ma contro la modalità scelta- il suo intervento in Aula-. Alcune questioni sono delegabili ai cittadini, ma di altre se ne deve occupare la politica. Noi siamo stati votati per assumerci responsabilità e prendere delle decisioni- spiega Manca- ma su questi temi oggi, sia da parte dell’opposizione, che dalle maggioranza, qualcuno sta speculando”.

23 settembre 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram