Lazio

Roma, “Non si affitta casa a stranieri”: risposta choc a Torre Spaccata

ROMA – “Non si affitta agli stranieri“. Comincia così un post di Facebook di Aboubakar Soumahoro, sindacalista Usb di origine italo-ivoriana, che prosegue: “Sto cercando casa da affittare, chiamo un’agenzia di Roma concordando un appuntamento. Al termine della telefonata, durata oltre 4 minuti, durante la quale mi vengono chieste da parte dell’operatrice garanzie circa il lavoro e il non possesso di animali. A quel punto fissiamo un appuntamento per lunedì 30 luglio alle ore 9 presso l’abitazione in zona Torre Spaccata, a Roma. Al termine della telefonata l’operatrice mi chiede di lasciare i miei riferimenti, appena sente le iniziali del mio nome e cognome, mi viene detto che ‘Non si affitta agli stranieri’. Rimango senza parole”.

Leggi anche: ‘No affitto a stranieri’ e l’assessore di Bologna denuncia: ecco l’audio

Prosegue il sindacalista: “Confesso che non è la prima volta, riuscendo allo stesso tempo a dire all’operatrice che siamo nel 2018 e che sono italiano. ‘La colpa non è mia ma del proprietario dell’appartamento, i proprietari possono fare quello vogliono dei loro appartamenti’. Questa è stata la risposta della gentile operatrice chiudendo la telefonata. Ho richiamato una seconda volta ed un’altra operatrice mi ha detto espressamente: ‘Se te lo ha detto la mia collega, è così’. Ho chiamato ancora e questa volta mi hanno detto che mi avrebbero richiamato. Io non mi arrendo, perché agirò nelle sedi opportune per fare accertare i fatti e la loro natura discriminatoria”.

Leggi anche: 

23 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»