Il Kyoto club e il nuovo paradigma della comunicazione 'verde' - DIRE.it

Ambiente

Il Kyoto club e il nuovo paradigma della comunicazione ‘verde’

kyoto clubComunicare l’ambiente, il clima, la green economy con un modello partecipativo. Il Kyoto club ha istituito un nuovo gruppo di lavoro tematico, ‘Partecipazione e comunicazione ambientale’, anche in vista della Cop 21 di Parigi sui cambiamenti climatici e che sarà coordinato da Simonetta Badini, ideatore e direttore editoriale del magazine Econews e imprenditrice green con una lunga esperienza nella comunicazione ambientale.

“Credo- ha dichiarato Badini- che il coordinamento di questo gruppo strategico debba articolare una sintesi delle varie aree tematiche mettendole in relazione e costituendo appuntamenti di raccordo per diffondere best practices e progetti eco-friendly, con il coinvolgimento di tutti gli stakeholders”.

Gli 11 ‘Gruppi di Lavoro Tematici’ sono una caratteristica peculiare del Kyoto Club. Ciascun gruppo, infatti, affronta specifici temi con lo scopo di sviluppare principi, tecniche e indirizzi normativi a sostegno dell’applicazione dei dettami del Protocollo di Kyoto e dagli impegni vincolanti previsti dal pacchetto energia e clima 2020 dell’Unione europea.

Tra le prime iniziative del nuovo gruppo di lavoro, come spiega Badini, ci sarà ‘Ecoincentriamoci’, un green forum dedicato ai temi ambientali, che intende esaltare le azioni virtuose e sostenibili di aziende, enti pubblici, cittadini e i percorsi intrapresi verso la green economy. “Istituiremo anche il Premio ‘Resilient Italia Awards‘, dedicato a quei territori che sappiano meglio reagire ai mutamenti socio-economici in corso, preservando e valorizzando l’ambiente, attraverso l’interazione sinergica tra istituzioni e privati, connubio ineludibile per l’attuazione di progetti credibili e declinati in chiave smart”, ha concluso Badini.

Di Serena Tropea – Giornalista Professionista

23 luglio 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»