Politica

Piazza della Loggia, dopo 41 anni arriva la sentenza. Alfano: “Ferita insanabile, ma la nostra democrazia oggi è più forte” – VIDEO

“Ferita insanabile nella storia della nostra democrazia”. Questa la definizione che il ministro dell’Interno Angelino Alfano dà della strage di piazza della Loggia, a Brescia, di cui oggi si celebra il 41° anniversario.

“Al tempo stesso -ha proseguito il ministro, intervenendo ad Agorà (Rai3) -possiamo dire che la nostra democrazia è più forte, che il nostro paese è più solido e che l’Italia è una democrazia robusta che ha saputo vincere anche quelle sfide allo Stato ” perché, oltre a commemorare le vittime, dopo le 21 di ieri è arrivata la santentenza definitiva della Seconda Corte d’appello di Milano che condanna all’ergastolo, Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte, mandanti del massacro.

Anche Paolo Bolognesi, presidente dell’Associazione delle vittime della Strage di Bologna, nonché deputato Pd, plaude al valore del lavoro della magistratura: “I magistrati di Brescia hanno avuto la capacità e la tenacia di trovare le prove dei disegni criminali di cui è stato portatore Ordine nuovo dal 1969 in poi, provocando terrore e morte nelle piazze italiane”. Definendo “ricchissimo e vasto” il loro lavoro di indagine, Bolognesi ricorda che ha rappresentato “un supporto essenziale anche per la richiesta avanzata dalla nostra Associazione alla Procura di Bologna per riaprire le indagini sui mandanti della strage alla stazione del 2 agosto del 1980”. E la sentenza, arrivata a distanza di 42 anni, e che condanna Maggi e Tramonte sono stati condannati  all’ergastolo, “è perciò di enorme valore, ben oltre  quello strettamente giudiziario”.

Nel video, ecco il momento dello scoppio che causò 8 morti e 102 feriti.

Di Alfonso Raimo – Giornalista Professionista

23 luglio 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»