Bersani bacchetta: “Renzi la smetta di insultarci”

bersani“Adesso Matteo Renzi ha il dovere di capire che il disagio interno al Partito Democratico va capito e deve trattare. Basta insulti”. Così Pier Luigi Bersani, ospite questa mattina di Omnibus, la trasmissione di La7, e prosegue all’indirizzo di chi vorrebbe imporre una disciplina di partito sui temi delle riforme: “La Costituzione parla chiaro e quindi non c’è alcuna ‘disciplina’ da invocare”.

L’ex segretario Pd torna a ribadire che “c’è una cosa che non va tra riforma e legge elettorale: tutto è costruito per una persona, che oggi è Renzi e domani non so chi potrà essere e- ha a concluso- temo che potrebbe essere peggio di Renzi. Questo non va bene, e se un gruppo di senatori propone correzioni non credo sia possibile invocare la disciplina”.

Di Alfonso Raimo – Giornalista Professionista

23 Lug 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»