AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE abruzzo

No Man’s Land: in Abruzzo la “terra di nessuno” di Friedman /FOTOGALLERY

ROMA – Yona Friedman, architetto sui generis nato a Budapest nel 1923, ha scelto l’Abruzzo per dare corpo alle sue visionarie teorie artistiche: l’uso di materiali poveri, la libertà della fruizione delle opere e la comunità sono i criteri che hanno guidato la nascita e la realizzazione di “No Man’s Land“.

L’imponente installazione site-specific, inaugurata a Loreto Aprutino, in provincia di Pescara, in uno spazio privato di oltre due ettari che per l’occasione è stato aperto e messo a disposizione della collettività, comprende un gigantesco arazzo naturale dal sapore preistorico disegnato con migliaia di sassi bianchi di fiume, un museo senza pareti edificato con canne di bambù e un dizionario misterioso inciso sui tronchi di duecento alberi di noce.

Alla costruzione di questo grande museo a cielo aperto hanno collaborato l’artista francese Jean-Baptiste Decavèle, la Fondazione ARIA e gli studenti delle Accademie di Belle Arti dell’Aquila e di Roma, della Facoltà di Architettura di Pescara e delle Scuole d’arte del territorio.

La neonata Fondazione No Man’s Land penserà invece al futuro dell’opera che, seguendo la filosofia di Friedman, diventerà il punto d’incontro di nuove e diverse attività.

Photos via:
www.fondazionearia.it

23 giugno 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988