Concertone del 1 maggio: Ambra e Lodo Guenzi di nuovo alla conduzione

Otto ore, quasi ininterrotte, di live. Tanti gli artisti che si alterneranno sul palco in piazza San Giovanni in Laterano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Otto ore, quasi ininterrotte, di live. Sul palco, dal 1990 di casa a piazza San Giovanni in Laterano, una lunga lista di artisti, guidati – per il secondo anno consecutivo – dalla conduzione di Ambra Angiolini e Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale.

Sarà un’edizione da non dimenticare quella del Concertone del Primo Maggio 2019 a Roma che lancia l’hashtag ufficiale #lamusicaattuale: dal rap al rock, passando per l’indie. Torna dall’edizione precedente Achille Lauro, reduce dall’uscita del suo nuovo disco, ‘1969’, e sicuramente tra i più attesi al Concertone. Il rapper, però, non è il solo rappresentante di Sanremo 2019.

Sul palco saliranno anche gli Ex-Otago, Motta, Daniele Silvestri, Rancore, The Zen Circus, Negrita e Ghemon. Da Sanremo Giovani La Rua. A scaldare il pubblico, poi, i Coma_Cose, il duo milanese ormai presente in tutte le classifiche di streaming. E ancora: Gazzelle, il vincitore di X Factor 12 Anastasio, i Canova, gli Eugenio in Via di Gioia, Fulminacci, Omar Pedrini, i Piguini Tattici Nucleari, La Rappresentante di Lista e La Municipal. Spiccano nella ricca line up Carl Brave, Ghali, i Subsonica e Noal Gallagher che porta con sé gli High Flying Birds. A chiudere Dutch Nazari, Orchestraccia, Fast Animals and Slow Kids, Manuel Agnelli ft. Rodrigo d’Erasmo, LeMandorle e Izi. Si uniranno anche i 3 vincitori del contest del Concertone: I Tristi, Giulio Wilson e Margherita Zanin. Il vincitore assoluto di 1M Next 2019 verrà proclamato durante l’evento. Sul palco anche Ylenia Lucisano (selezionata da DOC LIVE), Ferdinando (vincitore del Barezzi Contest), Walter Celi (vincitore di Arezzo Wave 2018) e Punto.Exe (dal contest musicale per la sicurezza stradale).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»