Corruzione, Morra: “Se Siri non si dimette il governo dovrebbe cadere”

Di Maio ha fatto capire che sarebbe intollerabile la sua permanenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Se Armando Siri dovesse restare al suo posto si dovrebbe far cadere il governo Lega-M5S? “Secondo me sì, problemi non ce ne saranno”, perché “tra il mantenere un esecutivo che manda messaggi equivoci e il far capire che la prima emergenza di questo Paese è combattere le organizzazioni mafiose, il M5S non avrà esitazione alcuna nello scegliere in coerenza con i valori fondativi del movimento”. Nicola Morra, presidente M5S della commissione Antimafia, lo dice ad Agorà su Raitre. “Gli scenari si stanno valutando ora per ora”, spiega Morra, “ma in qualità di capo politico Luigi Di Maio ha fatto capire che sarebbe intollerabile la permanenza di Armando Siri nella compagine governativa“, quindi “siamo fiduciosi un provvedimento in tal senso verrà preso”. 

“Siri stesso, se è un uomo intelligente dovrebbe capire che le sue dimissioni sono a tutela della sua immagine, della sua onorabilità di uomo pubblico”. Dice Nicola Morra, presidente M5S della commissione Antimafia, “a Roma si puo’ essere avvicinati da tanti”, e “ci si difende nel processo”, così “quando sarà acclarato tutto e lui sarà stato prosciolto potrà tornare a fare il sottosegretario”. Il caso Siri è grave perché “se vogliamo combattere contro le mafie dobbiamo essere assolutamente coerenti e univoci”, dice Morra, e per il Pm Nino di Matteo “certi messaggi possono essere oggetto di equivoco, e in certi settori l’equivoco è inammissibile”. In questo quadro “se le politiche energetiche del governo dovessero essere oggetto di un’influenza possibile di uomini riconducibili a cosa nostra, il quadro sarebbe molto grave”, e il ‘contratto di governo’ certo non prevede l’impegno a “portare interessi a tal Vito Nicastri cui e stato effettuato di recente un sequestro per oltre 1,8 miliardi”. Quindi, conclude Morra, “sono convinto che non si possa derogare” a questa attenzione, semmai “eventualmente si può sperare in una presa di coscienza della Lega”, e se questa mancando M5S dovesse far cadere il governo “non ci sono problemi”.
 

BONGIORNO: PRESUNZIONE INNOCENZA VALE PER RAGGI E SIRI

“Roma sta costantemente scivolando verso un maggior degrado”, certo, ma non solo per colpa dell’attuale Sindaco. Ciò detto, la presunzione di innocenza “vale per Siri, vale per Raggi, vale per tutti”, quindi “ci vorrebbe una sentenza prima di scelte politiche” come la richiesta di dimissioni. 

BONGIORNO: DURISSIMI SE SIRI COLPEVOLE, MA RESTA IL ‘SE’

“E’ un fatto gravissimo se un politico accetta denaro per piegare la propria funzione pubblica, non è grave, è gravissimo, è più grave rispetto al reato commesso da una persona comune”. Ciò detto “il mio problema è il ‘se’, quali sono gli elementi che ci permettono di dire che Siri ha fatto questo? Non abbiamo letto le intercettazioni ma le interpretazioni dei giornali”, dichiara Bongiorno. “Se Siri ha sbagliato non applicheremo rigore ma tanto rigore, se non ha sbagliato e lo stiamo massacrando è grave”, dice Bongiorno, “ho visto politici dichiarati innocenti dopo anni”. Quindi “se l’intercettazione è inequivocabile contro Siri, va bene, ma nessuno l’ha mai vista”, dice il ministro, se fosse vera “saremo durissimi” ma parlare del sottosegretario “come fosse una persona condannata mi fa tremare i polsi”.

 
 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»