Giubileo dei giovani: a Roma migliaia di ragazzi a San Pietro - DIRE.it

Vaticano

Giubileo dei giovani: a Roma migliaia di ragazzi a San Pietro

San Pietro_pellegrini_giubileo

ROMA – Arrivano a migliaia, un fiume che si snoda dal Lungotevere su via della Conciliazione e fino a piazza San Pietro, i ragazzi accorsi a Roma da tutta italia e non solo per il Giubileo dei Giovani. In programma, dopo il pellegrinaggio della Porta Santa, catechesi e confessioni sotto il colonnato. A seguire, molti gruppi percorreranno a piedi l’itinerario che si concludera’ con un concerto allo Stadio Olimpico.

LE VOCI DEI RAGAZZI  – Martina e’ arrivata a Roma in bus da Lecco, questa mattina. Mostra soddisfatta il suo “kit del pellegrino”, il pass necessario oggi per accedere alla piazza del colonnato, che indossano tutti i partecipanti al Giubileo dei Giovani, in corso da stamane a Roma. È ” un po’ emozionata” spiega, perche’ non ha mai visto il Papa, “cioe’, finora l’ho visto solo in televisione…”. Rosa, da Bari, commenta invece: “È bello incontrare ragazzi da tutto il mondo…Francia, Spagna…Cina!”. Ora i gruppi si stanno dirigendo, accompagnati per lo piu’ dalle loro parrocchie, in “pellegrinaggio” da Castel Sant’Angelo a Piazza San Pietro. 

I ragazzi del Giubileo dei Giovani vengono avanti a gruppi verso la Porta Santa fermandosi di tanto in tanto per pregare e intonare canti di chiesa. Sono diverse migliaia, ma e’ difficile fare una stima, anche perche’ l’evento iniziato stamattina si prolunghera’ per tutta la giornata e sono previste attivita’ religiose e culturali in vari punti della citta’. Il largo del Colonnato, comunque, non e’ stracolmo, ma i gruppi continuano ad arrivare.

ragazzi piazza san pietro3Tra i giovani accorsi oggi nella Capitale ci sono ragazzini sui dieci anni, ma anche piu’ grandi, come Andrea e Paolo, 17enni, arrivati ieri da Asti insieme alla loro parrocchia. “Ci siamo svegliati troppo presto” raccontano, in un sorriso che tradisce una serata di scherzi e risate con gli amici. “Curiosita’. Io Roma l’avevo gia’ vista, ma comunque sono esperienze nuove” Andrea motiva innanzitutto cosi’ la sua presenza all’evento che parte oggi, ma, interrogato, non manca di sottolineare la sua ammirazione per Papa Francesco: “Lo stimo moltissimo, e’ un grande esempio di quella che potrebbe essere la chiesa”. “È un vulcano attivo, come Giovanni Paolo II- gli fa eco Paolo- dice pubblicamente quello che pensa, si impegna per il recupero degli antichi valori… predica bene e razzola bene”.

Mario, 18 anni, occhiali da sole a specchio, e’ arrivato ieri sera dalla provincia di Napoli con il gruppo della sua parrocchia, e all’agenzia Dire “confessa”: “Siamo venuti per le ragazze, anche… abbiamo dormito in una chiesa, ‘dinto a ‘nu sacco a peluche’, perche’ c’e’ stato un problema nell’albergo a cinque stelle dove alloggiavamo- scherza, e conclude- comunque aggiungimi su facebook!”.

di Giulia Beatrice Filpi, giornalista

23 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»