Stadio Roma, ad Acea Donnarumma indagato per corruzione

L’ipotesi di reato è connessa a due sponsorizzazioni, da 25 mila euro ciascuno, che Acea fece per dei concerti di Natale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Procura di Roma, nell’ambito dell’indagine collegata allo stadio della Roma che ha portato anche all’arresto di Marcello De Vito, ha iscritto nel registro degli indagati l’amministratore delegato di Acea, Stefano Donnarumma, con l’accusa di corruzione. L’ipotesi di reato è connessa a due sponsorizzazioni, da 25 mila euro ciascuno, che Acea fece per dei concerti di Natale (2017 e 2018) che si tennero presso l’auditorium di via della Conciliazione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»