I 50 anni di Ail in una mostra celebrativa all’aeroporto di Fiumicino

Il Terminal 3 si colora con le opere della mostra ‘Ail ieri, oggi, domani’ che rimarrà in esposizione fino al 26 maggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA -Il Terminal 3 dell’aeroporto ‘Leonardo Da Vinci’ di Fiumicino si colora con le opere della mostra ‘Ail ieri, oggi, domani’ che rimarrà in esposizione fino al 26 maggio e che gode del patrocinio del Comune di Fiumicino e della Regione Lazio. L’Associazione Italiana contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma, in occasione del cinquantenario della sua nascita, ha voluto anche attraverso la mostra itinerante che proseguirà successivamente a Bologna, nel mese di giugno, celebrare l’attività dell’Associazione.

La cerimonia d’inaugurazione è stata introdotta da Alessandro Nicosia, curatore e organizzatore della mostra, ed aperta dagli interventi di Antonio Catricalà (presidente Aeroporti di Roma) e di Sergio Amadori (presidente Ail). In chiusura un ospite d’onore e grande amico dell’Ail, Pippo Baudo.

Il 2019 è un anno davvero importante per l’Ail, che celebra appunto i suoi 50 anni di attività. “Era l’8 aprile 1969 quando venne costituita a Roma- si legge nella nota diffusa dall’Ail- con l’obiettivo di sostenere la ricerca, l’assistenza e sensibilizzare l’opinione pubblica sulle malattie del sangue. Oggi l’AIL è una realtà forte e radicata, presente più che mai nel cuore della gente e sul territorio nazionale. Una grande storia costruita giorno dopo giorno sotto la guida illuminata del professor Franco Mandelli, una storia che è stata protagonista e testimone dello sviluppo dell’ematologia italiana”.
‘Ail ieri, oggi, domani’ rievoca momenti, episodi e personaggi che hanno contribuito in maniera rilevante alla costituzione e alla straordinaria crescita di Ail in mezzo secolo di attività attraverso l’opera delle 81 sezioni provinciali Ail.

LA MOSTRA DI AIL

L’esposizione si estende su 200 metri quadrati, area messa a disposizione da Aeroporti di Roma, racconta la storia dell’Ail in maniera attuale e coinvolgente, un viaggio che affianca ai classici pannelli esplicativi, mappe interattive e schermi al plasma per raccontare 50 anni di storia partendo dalla nascita dell’Associazione continuando con le tappe principali e le attività portate avanti fino ad oggi.

“Questi primi 50 anni di storia della nostra organizzazione sono costellati di importanti successi- ha ricordato il professor Sergio Amadori- abbiamo contribuito allo sviluppo della ricerca scientifica in campo ematologico; abbiamo moltiplicato i servizi offerti ai pazienti; abbiamo incrementato le interazioni con i centri ematologici e abbiamo visto crescere il numero dei nostri volontari, per noi patrimonio irrinunciabile. È stato un percorso non sempre semplice ma grazie al confronto continuo col territorio e le istituzioni, siamo diventati un punto di riferimento nel nostro Paese. L’Ail è un’associazione con un passato importante e che guarda al futuro con fiducia”.

“Siamo lieti di ospitare questa importante iniziativa di Ail qui in aeroporto, luogo di transito per milioni di passeggeri l’anno e quindi luogo ideale per dare rilievo al lavoro svolto in questi anni dall’associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma– ha commentato il presidente di Adr Antonio Catricalà– come società di gestione aeroportuale siamo molto attenti alle esigenze dei passeggeri oncologici che qui a Fiumicino possono usufruire di un servizio di assistenza gratuita a 360 gradi: dalle cure mediche offerte direttamente in aeroporto dal Pronto soccorso di Aeroporti di Roma qualora il passeggero oncologico necessiti di controlli specialistici di natura cardiologica, pneumologica e chirurgica prima del volo, all’assistenza dedicata di Adr Assistance società del gruppo deputata alla cura dei passeggeri a ridotta mobilità”.

I TEMI DELLA MOSTRA

Nel percorso espositivo è presente la sezione scientifica dedicata alla storia dell’Ematologia, alle prospettive terapeutiche delle malattie del sangue e al Gimema (Gruppo Italiano Malattie EMatologiche dell’Adulto), fondazione no profit per lo sviluppo e la promozione della ricerca scientifica. Ampio spazio è dedicato all’interno della mostra alle grandi campagne di raccolta fondi e sensibilizzazione, quelle fondanti, la Partita del cuore, Trenta Ore per la Vita, Angeli sotto le stelle, Carreras in Vaticano, che hanno reso possibile lo sviluppo dell’Ail, e le tradizionali campagne, Uova di Pasqua, Stelle di Natale, Giornata Nazionale per la lotta contro Leucemie, Linfomi e Mieloma, 5 per mille, consueti appuntamenti dell’associazione.
Un viaggio cronologico che, grazie alla collaborazione con Rai Teche, mostrerà documenti originali, interviste, filmati, fotografie, manifesti e locandine attraverso cui si snoderà la narrazione dei grandi risultati scientifici ottenuti e i successi delle iniziative solidali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»