A Roma Metro Barberini sotto sequestro, chiusa anche Spagna

Revocato il contratto alla società che gestisce la manutenzione delle scale mobili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo la chiusura stamane della stazione metro Barberini, per il sequestro disposto dai giudici, l’Atac informa che, per verifiche tecniche, è chiuso l’accesso anche alla fermata Spagna. Per alleviare il disagio agli utenti è stato attivato un servizio bus di supporto Termini-Barberini-via Veneto-Flaminio. I treni della Linea A transitano senza fermare nelle suddette stazioni metro.

In una nota l’Azienda del servizio di trasporto comunica inoltre la decisione della revoca del contratto alla società che gestisce la manutenzione delle scale mobili. 

Nella nota Atac spiega: “A seguito della decisione dell’Autorita’ giudiziaria, che ha disposto il sequestro della stazione Barberini, il responsabile di esercizio degli impianti di traslazione di Spagna ha deciso di inibire all’uso le scale mobili ivi presenti, che sono della stessa tipologia di quelli presenti a Barberini, al fine di svolgere ulteriori controlli.

“Cio’ – si legge in una nota dell’Atac – ha reso necessario la chiusura della stazione, che non dispone di altre vie di accesso in banchina. Atac ha attivato i necessari servizi di sostituzione di superficie per limitare i disagi, per i quali l’azienda si scusa. Frattanto, a conclusione dell’iter istruttorio da tempo avviato a carico della ditta che ha gestito la manutenzione degli impianti, Atac ritiene che sussistano gravi ed inconfutabili ragioni per la risoluzione del contratto, che verra’ notificata a stretto giro al fornitore. L’azienda individuera’ nel minor tempo possibile le soluzioni utili a garantire la riapertura delle stazioni e la continuita’ e il miglioramento delle attivita’ manutentive”.

LEGGI ANCHE FOTO | Paura a Roma, si accartoccia la scala mobile della metro a Barberini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

23 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»