Toscana

Guess, i lavoratori lanciano appello a Belen

belen_guessFIRENZE – Per scongiurare la delocalizzazione in Svizzera di alcuni settori dello stabilimento Guess di Firenze, i lavoratori lanciano un appello anche a Belen Rodriguez, testimonial del brand: “Abbiamo chiesto a Belen di solidarizzare con noi aiutandoci a rendere pubblica la nostra situazione”. A raccontarlo è Sara Pratesi, una delle 90 dipendenti a rischio licenziamento. “A lei- sottolinea- non chiediamo di prendere una posizione o di compromettere in qualche modo il suo rapporto con i vertici aziendali, né di rinunciare al suo contratto. A Belen abbiamo chiesto solo di solidarizzare con noi aiutandoci a rendere pubblica la nostra situazione“.

Sul fronte vertenza, i lavoratori, dopo gli scioperi e i presidi, sono in assemblea permanente e domani, giovedì 24 marzo, saranno in presidio dalle 10 alle 12, in concomitanza con la riunione dell’unità di crisi prevista a palazzo Medici Riccardi, sede della Città metropolitana fiorentina. “L’azienda- spiega la Cgil- attualmente sta continuando con un approccio individuale nei confronti dei lavoratori in vista di un trasferimento in Svizzera, approccio che respingiamo con forza”. I lavoratori hanno anche inviato una lettera aperta al Ceo di Guess, Victor Herrero, “per sensibilizzarlo sulla loro situazione”.

di Diego Giorgi, giornalista professionista

23 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»