VIDEO | Emma Marrone risponde agli insulti: "Stiamo annegando nell'odio, ma non sarò mai come loro"

VIDEO | Emma Marrone risponde agli insulti: “Stiamo annegando nell’odio, ma non sarò mai come loro”

ROMA – “Nel momento storico in cui stiamo annegando nell’odio, nel momento in cui un professore prende un ragazzino di colore e lo prende in giro davanti ai suoi compagni…. Io non sono madre, ma mi piacerrebe che un domani  mio figlio nascesse in un’Italia bella, sana, pulita, coraggiosa, rispettosa dei diritti di tutti e del diritto di pensiero e di parola”. Lo ha detto sul palco del concerto di ieri sera ad Ancona, la cantante Emma Marrone, dopo gli insulti ricevuti via social a seguito del suo appello ‘Aprite i porti’, come si vede nel video postato su youtube da Michela Channel II.

“Io non sono arrabbiata- ha detto dal palco-, l’unica cosa che mi dispiace profondamente e’ che mio padre e mia madre in queste ore hanno letto dei messaggi veramente brutti, violenti e cattivi. A me dispiace per loro. Nessun genitore vorrebbe vedere la propria figlia trattata cosi’, per aver detto una cosa tranquilla, un pensiero libero. Quello che voglio dire ai miei genitori e’ che io sto bene, ho le spalle larghe perche’ mi hanno cresciuto cosi’. Di tutte le persone che in questi giorni mi hanno offesa, infangata con parole forti e violente che fanno quasi paura. Voglio dire a loro che non fa niente, che io non diventero’ mai come loro…, mai. Il mio palco sarà sempre fonte di luce, di amore e di rispetto per tutti anche se questo significa prendersi la merda in faccia”.

“Voglio ringraziare tutte le persone che in questi giorni, invece, mi hanno sostenuta con grandi parole di affetto e voglio ringraziare voi stasera per essere qui, in questa serata cosi’ difficile ma che si sta trasformando nel concerto piu’ bello di tutta la mia vita”, ha concluso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

23 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»