Lazio

Domani corteo antifascista a Roma, associazioni: “Basta razzismi”. Pd “Non degeneri in violenze”

ROMA – Le 23 organizzazioni sociali, sindacali e politiche promotrici dell’appello ‘Mai più fascismi‘, su cui fino alla fine di maggio verranno raccolte le firme in tutta Italia, hanno indetto per sabato 24 febbraio, a Roma, la manifestazione nazionale ‘Mai più fascismi – Mai più razzismi’. Il concentramento è fissato alle 13.30 in piazza della Repubblica, da dove partirà il corteo che arriverà in piazza del Popolo percorrendo largo di Santa Susanna, via Berberini, via Sistina, piazza Trinità dei Monti e viale Gabriele D’Annunzio.

In piazza del Popolo è stato allestito un palco, su cui si alterneranno letture, musica e interventi. A presentare la manifestazione sarà l’attore Giulio Scarpati. Si comincerà con due brani musicali dei Modena City Ramblers. Seguirà la lettura, da parte di studenti e studentesse, di lettere e racconti di partigiane e partigiani. Verrà poi trasmesso il videomessaggio della senatrice a vita Liliana Segre. Al termine ancora letture della Resistenza e quindi l’intervento di Ella, una giovane rifugiata nigeriana. Dopo di lei, verrà mandato un video sulle leggi razziali volute dal fascismo, poi ancora letture e l’intervento finale di Carla Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi. I Modena con Bella ciao chiuderanno la manifestazione.

Tante le adesioni alla manifestazione, a partire dall’Arci, tra cui quelle dell’Ucei (Unione delle Comunità ebraiche italiane), dell’Unione degli universitari, della Rete degli studenti medi, della Rete della Conoscenza, del movimento Lgbt, di Legambiente, della Fnsi, di Articolo 21, della Rete Nobavaglio. Ad aprire il corteo sarà lo striscione unitario ‘Mai più fascismi – Mai più razzismi’, portato da dirigenti delle organizzazioni promotrici. E’ prevista anche la partecipazione di sindaci e presidenti di Regione con le fasce e i gonfaloni. Nel corso della manifestazione in piazza del Popolo sarà possibile firmare l’appello ‘Mai più fascismi’ con cui si chiede alle istituzioni, tra le altre cose, di sciogliere le organizzazioni che si richiamano al fascismo e al nazismo.

“Sarà una nuova e importante occasione per ribadire ancora una volta che l’antifascismo è alla base della nostra Costituzione, valore fondante della nostra democrazia e della convivenza civile”, afferma Francesca Chiavacci, presidente nazionale Arci.

MARTINA: PD CON ANPI, NON DARE SPAZIO A DEGENERAZIONI VIOLENTE

“Abbiamo aderito dal primo minuto all’appello dell’Anpi “Mai più fascismi, mai più razzismi”. Mi aspetto una grande partecipazione popolare, consapevole, pacifica, bella e all’insegna di parole chiare contro ogni violenza, razzismo, neofascismo. Sono le parole con cui è partita la mobilitazione della piazza unitaria e democratica”. Così il vicesegretario del Pd Maurizio Martina in un’intervista su Repubblica. “Non dobbiamo dare spazio alle degenerazioni violente. Sarebbe bene che chi sta nello spazio pubblico pesi le parole che usa. Ritengo che tutte le forze politiche debbano evitare un linguaggio violento– dice Martina-. Ci sono fenomeni inquietanti che non vanno sottovalutati e noi dem rilanciamo il filo di un impegno che ci ha portato a organizzare la marcia antifascista di dicembre a Como, a non sottovalutare il grave episodio di Macerata e ora a Roma per dare un segno nazionale di consapevolezza e di impegno. Dovremmo riflettere tutti e discuterne oltre gli schieramenti, oltre gli steccati”.

RAGGI: ROMA CAPITALE ADERISCE A MANIFESTAZIONE ANPI

“Roma Capitale aderisce alla manifestazione ‘Mai più fascismi, mai più razzismi’ promossa domani a Roma dall’Anpi”. Così in un comunicato la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

23 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»