AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE welfare

Unioni civili, in piazza a Roma la testimonianza della coppia gay italo-francese. Ma a manifestare anche tante coppie etero – VIDEO

ROMA – “Siamo qua con due orologi distinti, uno indietro perchè io sono italiano, mentre lui è in orario perchè è parigino, è francese“. E’ la testimonianza di una delle tante coppie arcobaleno presenti alla manifestazione #svegliatiItalia” in piazza del Pantheon a favore del ddl Cirinna’ sulle unioni civili.  I due hanno portato ognuno una sveglia per spiegare simbolicamente il ritardo italiano sui diritti. In Francia, spiegano, una persona gay “puo’ avere tutti i diritti di matrimonio, di riconoscimento della coppia, di riconoscimento dal punto di vista fiscale, sociale. Puo’ avere accesso a tutti i diritti che hanno tutte le coppie eterosessuali in Italia ma che non hanno le coppie omosessuali”.

IN PIAZZA ANCHE TANTI ETERO: I DIRITTI NON DANNEGGIANO – Davanti al Pantheon a Roma, alla manifestazione “#svegliatiItalia” a favore del ddl Cirinna’ sulle unioni civili, non c’erano solo famiglie ‘arcobaleno’, ma anche tante coppie etero, con i bambini al seguito, scese in piazza per dare appoggiare a chi chiede soltanto parità di diritti. Una giovane signora, accompagnata da un’amica, entrambe non omosessuali, e assieme alle loro bambine, spiegano: “Ci sembra una cosa civile, ci piace pensare di vivere in un Paese dove le persone si possano amare come vogliono, indipendentemente dal sesso. Mi sembra veramente una questione di civiltà, di democrazia. Mi sembra assurdo che ancora non  sia cosi’. Ognuno per me puo’ fare quello che vuole fino a che non danneggia un’altra persone e io non mi sento minimamente danneggiata. Io sarei in favore proprio dei matrimoni, non solo delle unioni civili, perchè non mi danneggia”.

23 gennaio 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988