Europa

Alle elezioni in Catalogna trionfa Ciudadanos, maggioranza della Generalitat agli indipendentisti

BRUXELLES – La Catalogna continua a credere nell’indipendenza. Lo dimostrano i risultati dei seggi elettorali, in cui, a fronte di un’affluenza alle urne all’81,94%, le forze indipendentiste prevalgono in 70 seggi su 135, con il 47, 5% dei voti.

Il primo partito è stato Ciudadanos (centrodestra), la cui giovane leader, Inés Arrimadas, non è catalana e siederà alla presidenza della Generalitat, l’Autonomia. Messo all’angolo, invece, il partito del premier Mariano Rajoy.

PUIGDEMONT: VINTE ELEZIONI, NONOSTANTE LA REPRESSIONE

“Nonostante la repressione, la manipolazione mediatica, la criminalizzazione, un candidato in esilio e uno in carcere, i partiti pro-indipendenza hanno vinto le elezioni e l’unionismo sta celebrando una vittoria che è fantasia”. Così Carles Puigdemont ha commentato nella notte la vittoria dei partiti indipendentisti alle elezioni catalane.

“La Repubblica – ha aggiunto l’ex presidente della Generalitat catalana – ha battuto la Monarchia dell’articolo 155. La ricetta di Rojoy non funziona. Domani l’articolo 155 deve essere sospeso, i prigionieri politici devono essere rilasciati e noi dobbiamo tornare dove gli elettori hanno detto che dobbiamo stare”. “La ricetta Rajoy non ha funzionato, ha peggiorato la situazione”, ha proseguito Puigdemont. “La ricetta Rajoy è imprigionamento, esilio, repressione, violenza, timore, guerra economica, e non ha funzionato. Pertanto, chi deve rispondere di queste contraddizioni, deve farlo”.

Ieri, nelle elezioni regionali anticipate dopo il referendum del 1° ottobre e la sospensione dell’autonomia della Catalogna da parte del governo di Madrid, le forze indipendentiste (Junts per Catalunya di Puigdemont, Esquerra Republicana de Catalunya Erc di Oriol Junqueras e Candidatura d’Unitat Popular Cup), hanno ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi in parlamento, 70 su 135. Come primo partito, però, si sono affermati gli unionisti di Ciudadanos.

LEGGI ANCHE

Catalogna, Puigdemont fugge a Bruxelles insieme a 5 consiglieri. In Spagna rischia il carcere

Spagna, Rajoy in Senato chiede la sospensione dell’autonomia della Catalogna

22 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»