R.D. Congo, Missionaria: "A Kinshasa spari e paura" - DIRE.it

Mondo

R.D. Congo, Missionaria: “A Kinshasa spari e paura”


ROMA – “Siamo quasi prigioniere, qui nel quartiere di Limete ma anche nell’est, a Butembo, dove si è sparato tra le case, ad altezza d’uomo”: a parlare con l’Agenzia Dire è suor Lucie Tokoyo, missionaria comboniana a Kinshasa, capitale congolese ostaggio del conflitto sulla permanenza al potere presidente Joseph Kabila.  Secondo un bilancio fornito oggi dal portavoce della polizia, il colonnello Pierre Rombaut Mwanamputu Empung, in quattro giorni di scontri tra dimostranti e agenti anti-sommossa sono state uccise almeno 31 persone.

“La situazione resta estremamente tesa”, conferma suor Lucie: “In strada si continuano a udire raffiche improvvise di colpi di arma da fuoco“. Lo scontro è alimentato dall’incertezza politica. Lunedì scorso è scaduto il secondo mandato di Kabila, l’ultimo permesso dalla Costituzione. Il presidente, succeduto al padre Laurent nel 2001, ha però annunciato un rinvio al 2018 delle elezioni garantendosi la permanenza in carica.

Come le sue consorelle, che assistono le detenute del carcere cittadino di Makala, la missionaria è stata costretta a ridurre le uscite all’essenziale. “Gli abitanti di Kinshasa restano chiusi in casa e sperano che la mediazione dei vescovi possa dare i suoi frutti in tempi brevi”, sottolinea suor Lucie. Il riferimento è al negoziato tra Kabila e le forze di opposizione promosso dalla Conferenza episcopale congolese, nel solco di una tradizione che vede la Chiesa locale in prima fila nel tentativo di sciogliere i nodi politici.

Anche perché, come confermano le fonti della Dire, scontri, violenze e repressione non sono circoscritti alla capitale. Lo testimoniano le comboniane che si trovano a Butembo, nell’est ricco di risorse minerarie e rifugio delle bande armate nonostante dalla fine dell’ultima guerra civile sarebbero trascorsi 13 anni. “Anche lì c’è paura”, dice suor Lucie, “e la consapevolezza che la situazione resterà esplosiva fino a quando Kabila non scioglierà i nodi“.

di Vincenzo Giardina, giornalista professionista

22 dicembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»