Welfare

‘Voi siete leggenda’, in campo (per beneficenza) gli ex campioni della Roma

ROMA – “Volevo ringraziare i tifosi della Roma per quello che mi hanno fatto sentire, vivere” ma allo stesso tempo “volevo fare ancora beneficenza. L’ho sempre fatta, con la mia associazione che ho creato un anno e mezzo fa”. Vincent Candela si prepara ad organizzare forse una delle partite più importanti della sua carriera.

Ex terzino della Roma scudettata con Fabio Capello, nel 2001, ha organizzato per il 29 dicembre ‘Voi siete leggenda’, una partita evento allo stadio Olimpico della Capitale in cui ha raccolto grandi campioni del passato, in qualche caso anche recente, qualche altro anche attuale, come Daniele De Rossi e Francesco Totti.

Oltre ai due romani e romanisti di oggi, ci saranno anche giocatori come l’80enne Giacomo Losi, ‘Core de Roma’, che ovviamente darà il suo contributo con la sua presenza, ma poi ancora Giuseppe Giannini, Odoacre Chierico, Ciccio Graziani, Bruno Conti, Marco Delvecchio e tanti altri ancora. Il ricavato sara’ interamente devoluto ai bambini che vivono in famiglie che sono in difficolta’ economiche e sociali, per aiutarli ad una crescita sana attraverso lo sport.

Partner dell’iniziativa ‘Nuova fondazione Bambino Gesu’ Onlus’, ‘Actionaid’ e la Fondazione Bioparco di Roma. Alla conferenza di presentazione della partita, nella sala stampa dello stadio Olimpico, oltre a Giannini, Chierico e l’organizzatore della partita Vincent Candela, presidente della onlus ‘Trentadue’, c’era anche Giovanni Malagò. Il presidente del Coni non ha voluto mancare alla conferenza, ringraziando Candela per il suo impegno.

“Il mondo della beneficenza è molto bello, non va fatta sempre con i soldi, basta anche aiutare una persona anziana o fare un sorriso a un bimbo. Bisogna aiutare i bambini a fare sport, oggi paghi mille euro per farlo, una volta giocavi in mezzo alla strada. Noi facciamo il massimo, i bambini sono il futuro”. Sfida nella sfida quella di riuscire a riportare i romani allo stadio. Cosa che ultimanente non accade spessissimo: “È triste, è una delusione. Bisogna lasciare l’orgoglio da parte, pensare che facciamo bene ai bambini. E poi ci saranno tanti ex calciatori. Scendere in campo con loro sarà una emozione”.

Leggendo i nomi di chi ci sarà “serviranno tante maglie numero 10 e tante fasce da capitano!”. Per l’ex capitano Giuseppe Giannini, idolo di Francesco Totti, “è una iniziativa importante, che va elogiata, esaltata. Sarà una giornata con uno scopo benefico ed è la cosa principale”. Odoacre Chierico, ala della Roma di Niels Liedholm che vinse lo scudetto nel 1983, si è detto “onorato” di poter esserci. Tornare in uno stadio così “per aiutare qualcuno è fantastico, grazie a Vincent per questa iniziativa. Cosa proverò a ricevere palla da Giannini e a crossare per Totti? Vedremo se ce la farò, gli anni sono passati!“.

di Adriano Gasperetti, giornalista professionista

22 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»