Toscana

Biffoni: “La Declassata sarà interrata, nel 2017 problema atavico sarà risolto”

FIRENZE – Sulla declassata, “noi ci siamo. Il sopralluogo dei tecnici di Anas è già avvenuto qualche giorno fa. Il Comune è pronto con un progetto di massima già redatto, i soldi ci sono. Noi partiamo coi lavori alle strade complanari nel 2016, facciamo tutto quello che deve essere fatto, progetto e studio, per far sì che si apra il cantiere il prima possibile, il 2017 dovrebbe essere l’anno giusto per dare una sistemazione definitiva a quello che è un problema atavico di questa città non solo dal punto di vista della mobilità, che è importante, ma anche della riqualificazione della zona”.

matteo-biffoniLo ha spiegato il sindaco di Prato, Matteo Biffoni, parlando alla conferenza stampa di fine anno della Giunta comunale. Il problema della declassata in città riguarda il tratto di tangenziale in corrispondenza del quartiere Soccorso, che negli intenti dell’amministrazione Biffoni dovrà essere ampliato attraverso un progetto di sottopassaggio.
“Problemi non dovrebbero esserci- ha aggiunto ai giornalisti-. Il lavoro che è stato fatto a monte, certo ci ha fatto impiegare tempo, ma sta dando i suoi frutti. Noi speriamo di consegnare alla cittadina il sotto-passo, spero che il prossimo sindaco ce l’abbia già in attività. Non dipende solo da noi, ma questi sono gli obiettivi”. Il prossimo anno, pertanto, si partirà con le opere collaterali, che serviranno per circolare per strade alternative quando la tangenziale di Prato sarà chiusa per lavori, ma che assicura il sindaco “intendiamo lasciare al servizio della città anche dopo la riapertura della viabilità principale”.

Si tratta, nello specifico, di via Panziera, via del Purgatorio e dintorni. Il passaggio cruciale sarà “il completamento del percorso di passaggio allo Stato della Porrettana-66-declassata di Prato-Perfetti Ricasoli. Noi- ha chiarito Biffoni- abbiamo trovato i soldi, loro presenteranno il progetto” definitivo dell’interramento.

22 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»