Gare di vela Olimpiadi, Malagò 'congeda' Napoli: "Cagliari scelta indiscutibile basata su dati" - DIRE.it

Sardegna

Gare di vela Olimpiadi, Malagò ‘congeda’ Napoli: “Cagliari scelta indiscutibile basata su dati”

CAGLIARI – “Ognuno e’ legittimato a esprimere le proprie opinioni”, ma “siamo in presenza di un organismo terzo ed e’ stata individuata una commissione con dei soggetti la cui professionalita’ e competenza nel mondo della vela sono imbarazzanti”. Cosi’ il presidente del Coni, Giovanni Malago’, in merito alle polemiche sollevate da Napoli dopo l’inserimento di Cagliari nel dossier olimpico di Roma 2024 come sede per le competizioni di vela.

Malago_Coni“Io personalmente ero convinto che si andasse in tutt’altra direzione e per certi versi avevo affetto verso qualche altra destinazione, tra cui la stessa Napoli- ha spiegato Malago’ a margine dell’inaugurazione a Roma della nuova risonanza magnetica all’Istituto di Medicina dello sport del Coni- Ma i dati sono assolutamente oggettivi e incontrovertibili. Soprattutto, non serve rispondere se non si sa di cosa si parla e non ci si rende conto dei parametri e delle nuove regole che servono per la competizione non solo nella vela ma in qualsiasi altro sport. Comunque i dati sono stati certificati dalla Federazione internazionale della vela, il cui presidente tra l’altro e’ lo stesso della federazione italiana: tra poco saranno pubblici e si capira’ che “con altre soluzioni rispetto a Cagliari “avremmo rischiato sinceramente di non essere presi in considerazione per fattori tecnici“.
Un parere da esperta e’ venuto dall’olimpionica del windsurf Alessandra Sensini, per la quale “senza nulla togliere alle altre citta’, e’ stato fatto un lavoro meticoloso e molto preciso che ha tenuto conto di tutti gli aspetti. Cagliari ha una grande tradizione nella vela, ci sono molti altri posti in Italia dove si organizzano regate di vela ma il capoluogo della Sardegna ha tutte le qualita’ necessarie”.

22 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»