Digitale, Lisi (Anorc Professioni): “Piano innovazione sia reso comprensibile”

Il 27 novembre a Roma il workshop di Anorc Professioni organizzato insieme a Banca d’Italia, che è anche sede dell’evento

Condividi l’articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Tante volte abbiamo la sensazione che quando si parla di digitale si stia parlando di strumenti e di tecnologia, mentre sono questi, molte volte, a bloccare il digitale. Sembra un paradosso, ma è così”. Lo ha dichiarato Andrea Lisi, Presidente di Anorc Professioni, sentito dall’agenzia Dire sul workshop del 27 novembre a Roma organizzato insieme a Banca d’Italia, che è anche sede dell’evento (via Nazionale 91), con il patrocinio del Garante per la protezione dei dati personali e di AgID.

“Se non ci sono dietro cultura e competenza, si fanno scelte sbagliate- ha continuato- si acquistano soluzioni e si realizzano banche dati che fra loro non comunicano e quindi c’è proprio una sorta di ‘burocrazia digitale’. Nella maggior parte delle Pubbliche amministrazioni si diventa schiavi dei fornitori, ci si va a ingabbiare in contratti informatici non ben presidiati perché manca la capacità di controllo. Gli informatici spesso sono presi dalla voglia di fare senza avere la parte organizzativa e amministrativa dalla loro, o sono presi dall’emergenza: soprattutto nelle amministrazioni più piccole il tecnocrate è vittima dell’urgenza, ma non riesce a costruire progettualità. Tante volte il sito web di una Pubblica amministrazione, anche se costruito e sviluppato secondo certi criteri, rimane completamente avulso dai procedimenti che continuano a restare cartacei. Si è assistito paradossalmente ad uno scollamento fra la parte tecnologica e la parte operativa delle Pubbliche amministrazioni, che continuano a procedere indisturbate in maniera ‘cartacea’, rischiando, la totale paralisi, adottando l’alibi del digitale che ‘non funziona’”.

I PROGETTI DI ANORC

Questi sono i risultati emersi dai lavori condotti dal nostro Gruppo di Lavoro per la Governance Digitale, un progetto interassociativo, nato dalla collaborazione tra ANORC e ANORC Professioni e che il 27 novembre, inaugurerà la nuova stagione di lavori. Per quanto riguarda l’Agenda digitale nazionale “noi abbiamo un piano triennale- ha sottolineato l’avvocato Lisi- elaborato dal team dell’amministrazione digitale e da AgID, nell’alveo del ministero preposto che è quello della Funzione pubblica. È un documento corposo, di un centinaio di pagine, ricco di spunti e incentrato su una visione programmatica. Devo dire però emerge un po’ troppo la visione aziendale di Diego Piacentini, ex commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda digitale: giusto per fare un esempio, il Piano è zeppo di slogan in lingua inglese. Questo crea uno scollamento culturale, dovuto al linguaggio, in contrasto con quello che si usa e si continua ad usare nelle stanze della burocrazia, malgrado la vision di grandissimo cambiamento, che pervade il documento”.

Un documento che appare anche poco chiaro. “Credo che Luca Attias e la dottoressa Teresa Alvaro- ha detto ancora Lisi- debbano compiere un grande sforzo per rendere comprensibile l’innovazione digitale e farla divenire parte integrante di ogni procedimento amministrativo. La Pubblica amministrazione italiana è ancora, fortemente burocratizzata: occorre snelliare e semplificare i procedimenti amministrativi servendoci dello strumento digitale. Il problema di fondo sono le prassi: è inutile riempire le nostre amministrazioni di applicativi e open data, se poi il linguaggio dei burocrati rimane sempre quello. L’agenda digitale sulla carta è bellissima ed è fatta di piani mirabolanti, ma tutti fermi. Pensiamo a Spid, l’identità digitale, di cui si parla da almeno tre anni. Le identità realmente emesse saranno poco più di 3 milioni, mentre sono 67 i milioni di cittadini che non sanno cosa sia Spid o non lo sanno usare. Stesso discorso per l’anagrafe nazionale, abbiamo un progetto che è partito 10 anni fa, ma ancora oggi non c’è. Soltanto pochissimi Comuni si sono attrezzati ed è tutto ancora fermo e paralizzato proprio perchè la Pubblica amministrazione al suo interno non si riconosce in quel linguaggio. La missione del GDL Governance di ANORC e ANORC Professioni è quella di avvicinare il digitale alla PA e farlo diventare consuetudine”. 

“È una strada possibile- ha concluso- perchè noi il digitale lo pratichiamo ogni giorno, i cittadini sono già digitalizzati, ognuno di noi ha uno smartphone, un pc, tutti sappiamo cosa sono le app e come utilizzarle, tutti facciamo shopping online sui siti e-commerce, ma tutto questo non è diventato consuetudine nel rapporto con la Pa. Dobbiamo iniziare un processo di cambiamento culturale, perché solo con la cultura avvengono le rivoluzioni”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»