AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE SPETTACOLO

Molestie sessuali, Verdone: “I processi li fanno in tribunale. Ma i provini mai a casa…”

ROMA – Anche Carlo Verdone interviene sulle presunte molestie del regista Fausto Brizzi nei confronti di aspiranti attrici. E lo fa in maniera molto chiara.


I processi si devono fare in tribunale ma i provini si devono fare negli uffici. Io quando faccio i provini ho sempre accanto a me un aiuto regista e non li faccio a casa. A casa mia un’attrice la posso invitare solo dopo che l’ho conosciuta bene. Un regista serio li fa in ufficio con il casting, i suoi aiuti e gli assistenti anche per avere un parere da parte loro”, spiega ai cronisti al termine della cerimonia di conferimento del dottorato honoris causa, questa mattina all’università di Roma Tor Vergata.

“LE MOLESTIE? UN CONTO È PROVARCI, UN ALTRO È STUPRO”

“Certo non si denuncia dopo 30 o 35 anni– ammonisce Verdone-. C’è qualcosa che non va e con tutto questo polverone il cinema sembra un mondo di sospettati mentre c’è anche tanta brava gente. Qui invece parliamo solo di una piccola parte. E poi un conto è provarci e un conto è stuprare. Provarci far parte dell’uomo da quand’è nato. La violenza è ben altra cosa. Così come il plagio”.

LEGGI ANCHE

La moglie di Brizzi: “Barricata in casa da giorni, tribunale mediatico può distruggere esistenza”

Anche l’ex Miss Italia accusa Fausto Brizzi: “Deve farsi curare”

A ‘Le Iene’ dieci attrici contro Fausto Brizzi: “E’ lui il molestatore italiano”

22 novembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988