"La Monadi" di Aracne, collana per capire la crisi dell'uomo moderno /VIDEO - DIRE.it

Cultura

“La Monadi” di Aracne, collana per capire la crisi dell’uomo moderno /VIDEO

ROMA – Un’indagine sulla crisi dell’uomo moderno, della famiglia e dei rapporti sociali, di fenomeni criminali come il femminicidio, lo stalking, il bullismo, le babygang, realizzata grazie a una visione d’insieme, capace di incrociare diversi ambiti di ricerca, come antropologia, psicologia, medicina e giurisprudenza. Aracne editrice, con il contributo di Artemisialab, ha presentato oggi, all’aula Magna dell’Università Guglielmo Marconi, a Roma in via Plinio, la collana ‘Le Monadi’. Si tratta di una serie di volumi interdisciplinari, scritti da esperti di varie materie, che dal prossimo febbraio inizieranno a comparire sugli scaffali delle librerie. Alla presentazione hanno partecipato, oltre ai membri del comitato scientifico, Maria Stella Giorlandino, di Artemisialab, e Luigi Iavarone, membro del Cnr e direttore della Collana. “Le Monadi si occupa di temi scottanti, che per nostra grande fortuna ultimamente sono molto trattati- ha detto Maria Stella Giorlandino- Ma le competenze sono rare per cui ritengo che aver contribuito come Artemisialab a questa iniziativa per noi era una necessità sociale”.


“L’idea di realizzare questa collana- ha spiegato Iavarone- è venuta guardando la società di oggi, che purtroppo è in piena decadenza in termini di valori etici e morali, educativi e religiosi. E quindi abbiamo cercato insieme agli altri componenti del comitato scientifico di aggiungere una goccia nel mare e cioè di dare una apporto significativo alla ripresa, grazie a un’ esplorazione dell’uomo moderno in tutte le sue sfaccettature”. Il primo volume in uscita si occuperà di bullismo e cyberbullismo, raccogliendo anche quanto emerso dall’esperienza dello sportello Spasmos, di assistenza e supporto alle vittime di violenza, di cui Iavarone è direttore scientifico.

In questa prima e nelle edizoni che seguiranno, la collana cercherà di far luce sulle motivazioni dei comportamenti sani e devianti, rivolgendo attenzione allo sviluppo psicologico della personalità dell’uomo nelle tappe evolutive. “In ognuno di noi albergano due persone- ha semplificato Iavarone- una buona e una malvagia. Noi dobbiamo far uscire quella buona”. Questo sforzo sarà compiuto con il contributo di un gruppo qualificato: il comitato scientifico, è composto il presidente Vicario della Corte d’appello di Roma, Fabio Massimo Gallo, la psicologa Anna Maria Casale, i magistrati Carmelo Asaro e Cristiana Macchiusi, il direttore di medicina legale della Asl Roma 1 Dalila Ranalletta, la giornalista Floriana Bulfon.

di Flavio Sanvoisin, giornalista

22 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»