Dalla sicurezza alla corretta alimentazione: il Ministero della Salute a Expo con piu’ di 100 incontri – VIDEO

expoROMA – La sicurezza alimentare, dai campi alla tavola, e la nutrizione, con un approccio in tutte le fasi della vita, di contrasto alle malattie croniche e di promozione della dieta mediterranea e dell’attivita’ fisica. Sono i grandi capitoli dell’attivita’ ministeriale nel settore dell’alimentazione, richiamati anche nella ‘Carta di Milano’, che il ministero della Salute ha portato a Expo e organizzato in una campagna capillare ‘Mangia sano, investi in salute’ con eventi, spot, opuscoli, web e social. Il ministero ha organizzato piu’ di cento incontri in sei mesi nello Spazio donna (Me and We – Women for Expo) e nello Spazio scuole di Padiglione Italia, con il coinvolgimenti di 75 esperti selezionati appartenenti ad associazioni, universita’ ed enti del Servizio sanitario nazionale, favorendo il dialogo tra il pubblico di Expo, gli studenti di Vivaio scuole e gli esperti di associazioni ed enti del Servizio sanitario nazionale.

All’interno dello Vivaio scuole si sono svolti 64 incontri per tutto il periodo dell’esposizione, per presentare le politiche di educazione nutrizionale specifiche per bambini e ragazzi. Le tematiche hanno spaziato dalla sicurezza alimentare alla corretta alimentazione e prevenzione dell’obesita’, dai corretti stili di vita alle caratteristiche nutrizionali degli alimenti. Spazio anche a temi (e rischi emergenti) come la lotta agli sprechi, l’epigenetica e le cattive abitudine a tavola dei nostri ragazzi correlati all’uso di smartphone, tablet e tv, con un’attenzione tutta particolare alla prevenzione degli squilibri nutrizionali e quindi ai disturbi del comportamento alimentare come anoressia e bulimia.

Due invece i grandi eventi internazionali: il primo sulla sicurezza degli alimenti e il contrasto alle frodi alimentari ‘Fighting food crime, enforcing food safety’, il 9 e 10 luglio 2015; il secondo ‘Nutrire il pianeta, nutrirlo in salute – Feeding the Planet, feeding it healthy’, il 27 e 28 ottobre, a conclusione della partecipazione del ministero della Salute a Expo. Quest’ultimo verra’ presieduto dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e vi parteciperanno 40 delegazioni di Paesi e 20 ministri da tutto il mondo. Il ministero della Salute vi presentera’ le iniziative per il dopo l’Expo, l’eredita’ di SalutExpo. Saranno infatti firmati due protocolli d’intesa tra il ministero della Salute e le associazioni del settore alimentare, della pubblicita’ e del commercio per favorire la  corretta alimentazione dei bambini.

Gli spot della campagna ‘Mangia sano, investi in salute’ hanno accompagnato gli eventi trasmessi ogni giorno sui quattro mega schermi del Cardo, l’arteria principale di Expo, per un totale di 3.500 passaggi oltre che in tv. Un volume dei Quaderni del ministero della Salute dedicato ai temi dell’alimentazione sara’ presentato in occasione del convegno del 27-28 ottobre ‘Nutrire il pianeta, nutrirlo in salute’ e rappresentare una vera e propria guida agli equilibri nutrizionali. A corredo degli eventi, il ministero ha realizzato una serie di opuscoli (20 in sei mesi), schede informative (11) e messaggi chiave per i social (30) che hanno permesso di approfondire i tanti temi trattati durante gli incontri, declinati nei mille aspetti dell’alimentazione, dall’allattamento all’osteoporosi, dalla fertilita’ alla gravidanza, dalla prevenzione dell’obesita’ a quella dei tumori, dalla celiachia alla iodoprofilassi, dai costi della sana alimentazione alle etichette dei prodotti, solo per citare i principali.

News, il calendario degli eventi, i video e tutta la produzione editoriale per Expo – sono raccolti nel sito tematico del ministero della Salute (40 mila visitatori unici) e rilanciati nei due canali social SalutExpo (Twitter e Facebook). News, lanci stampa e interviste ai protagonisti degli eventi sono stati diffusi dalla stampa, dai canali web e social di Expo e di Padiglione Italia insieme a quelli del ministero della salute.

22 Ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»