AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE ambiente

Oggi è il rinoceronte day. Ma l’anno prossimo potrebbe essersi estinto, l’allarme del Wwf

ROMA – “Anche quest’anno la giornata mondiale del rinoceronte arriva in una situazione di estrema incertezza per il futuro di questo animale, rappresentato da cinque specie di cui due (rinoceronte bianco e rinoceronte nero) presenti in Africa e tre (rinoceronte Indiano, rinoceronte di Giava, rinoceronte di Sumatra) presenti in Asia“. Infatti, spiega il Wwf, “nonostante i grandissimi sforzi di conservazione il bracconaggio, armato dal commercio internazionale di corno di rinoceronte, continua a mettere a repentaglio il futuro delle specie.

IN 10 ANNI IN AFRICA UCCISI QUASI 7.000 ESEMPLARI

Solo in Africa nell’ultimo decennio più di 6.680 rinoceronti sono stati uccisi dai bracconieri. Nel 2015 gli esperti hanno calcolato che nel solo parco nazionale del Kruger (in Sud Africa) siano entrati 7.500 bracconieri con un incremento del bracconaggio all’interno del parco del 43% rispetto l’anno precedente. Sempre in Sud Africa dal 2007 al 2016 il bracconaggio al rinoceronte è aumentato del 9.000%”.

NEL MONDO ESISTONO ANCORA 5 SPECIE

Per il Wwf che da anni si batte per contrastare la scomparsa di questo meraviglioso animale, “quello di quest’anno potrebbe essere uno degli ultimissimi World Rhino Day con le cinque specie di rinoceronti esistenti ancora in vita“. Si tratta di numeri impressionanti che descrivono una vera e propria guerra condotta ai danni di un animale meraviglioso dal valore incommensurabile. “La situazione non è molto migliore per le specie di rinoceronte asiatiche- prosegue l’associazione del Panda-. Se da una parte i numeri di rinoceronte indiano sono stabili, il rinoceronte di Giava e quello di Sumatra, rispettivamente con meno di 100 e meno di 70 individui stanno, di fatto, arrivando sulla soglia dell’estinzione (critically endangered second la red List dell’Iucn)”.

UN CHILO DI CORNO VIENE VENDUTO PER 100.000 DOLLARI

L’esposizione del corno come status symbol di benessere o il corno stesso ridotto in polvere per un impiego in sedicenti medicinali asiatici sono i motivi trainanti della strage del secolo. “Un chilo di corno di rinoceronte viene venduto al prezzo di circa 100.000 dollari– dice il Wwf-. Calcolando che un corno può pesare da 1 a 3 chilogrammi, se ne deduce che il valore di un animale va dai 100.000 ai 300.000 dollari”. E se da un lato è in aumento il numero delle persone disperate o comunque in cerca di un bottino facile e disposte quindi a massacrare i rinoceronti, dall’altra “aumenta in maniera esponenziale la classe benestante asiatica (solo in Vietnam il numero dei multimilionari è aumentato del 150% in 5 anni) con la disponibilità economica necessaria ad alimentare una tragica quanto folle domanda di corno”.

LE BUFALE NON AIUTANO: IL CORNO USATO ANCHE CONTRO IMPOTENZA

A causa della disinformazione, adesso veicolata anche attraverso il web, i nuovi consumatori asiatici cercano sui mercati illegali il corno di rinoceronte, come rimedio all’impotenza, ai dolori reumatici, al cancro o altre malattie: si tratta false informazioni costruite ad hoc da un mercato criminale che trae un enorme profitto dal commercio di corno di rinoceronte. E come se non bastasse, il corno di rinoceronte, proprio per la sua rarità, è diventato un oggetto da esporre nei salotti e nei luoghi privati del potere.

LA BATTAGLIA DEL WWF

Per contrastare la piaga del bracconaggio il Wwf sta mettendo in campo ogni arma disponibile, anche grazie alla generosità dei donatori. Dalla realizzazione di vere e proprie indagini internazionali, in collaborazione con Interpol, per definire le mappe del crimine internazionale che commercia il corno di rinoceronte, al lavoro con le comunità locali per aiutarle a rafforzare i controlli e la prevenzione del bracconaggio, alla vera e propria traslocazione di animali dai luoghi più insicuri e più esposti al bracconaggio a quelli che forniscono maggiori garanzie di protezione. La decisione di traslocare un rinoceronte è sempre l’extrema ratio che viene presa quando non ci sono altre possibilità di protezione. I rinoceronti vengono sedati, imbracati e prendono così il volo (vengono infatti spostati con gli elicotteri verso località to secret) verso un futuro auspicabilmente a prova di bracconaggio.

22 settembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988