Trinità dei Monti torna a splendere, ecco il restyling firmato Bulgari - DIRE.it

Lazio

Trinità dei Monti torna a splendere, ecco il restyling firmato Bulgari

raggi_trinita

ROMA – Torna a splendere la scalinata di Trinità dei Monti, uno dei monumenti simbolo di Roma, dopo un restyling finanziato con un milione e mezzo di euro dalla maison Bulgari. Avviati il 7 ottobre 2015, gli interventi hanno riguardato la pulitura, la protezione e il consolidamento delle superfici, compreso il recupero funzionale delle gradinate per garantirne la sicurezza. “Ringrazio Bulgari che si è fatta promotrice del restauro di uno dei simboli di Roma- ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che oggi ha inaugurato la nuova vita della scalinata- consolidando il fatto che la collaborazione tra pubblico e privato è quando l’obiettivo è valorizzare i beni artistici e renderli fruibili per la cittadinanza.

DA DOMANI SARA’ DI NUOVO APERTA AL PUBBLICO

trinita_monti2Da domani, la scalinata sarà di nuovo aperta a tutti“. E per stasera, Raggi ha ricordato la festa organizzata per l’occasione che vedrà un concerto di Antonio Pappano e dell’Orchestra di Santa Cecilia. Ma siccome “non sarà un evento per pochi”, ha tenuto a dire la sindaca, stasera all”Omaggio alla scalinata’, oltre a tutte le personalità istituzionali, parteciperanno anche 30 cittadini romani, due per ogni municipio, e 10 detenute del carcere di Rebibbia. La celebre scalinata in travertino fu realizzata tra il 1723 e il 1726 dall’architetto romano Francesco Gio 22 set 2016 Sanctis e serviva come raccordo tra le pendici del Pincio, con la chiesa della Santissima Trinità e la sottostante piazza di Spagna con la fontana della Barcaccia. Insieme alla sindaca, anche i vertici della maison di gioielli, l’ad Jean-Christophe Babin, e Nicola Bulgari, l’assessore capitolina alla Crescita culturale, Luca Bergamo, e il sovrintendente di Roma Capitale, Claudio Parisi Presicce.Grazie alla donazione voluta da Bulgari in occasione del 130esimo anniversario della maison, la gradinata di Trinità dei Monti viene finalmente restituita alla città e al mondo. Le macchie e la patina scura che la ricoprivano lasciano ora il posto al candore del travertino, riportato all’originale grazie al lavoro di 82 persone. E’ anche a loro, alle maestranze, che Virginia Raggi ha rivolto il suo ringraziamento.

RAGGI: “ORDINANZA PERCHE’ USO NON DIVENTI ABUSO”

La sindaca è arrivata sulla scalinata e si è lasciata fotografare dai tanti reporter presenti. “E’ una giornata importante per le romane e i romani– ha detto- sono felice di condividere con i miei concittadini questo momento”. Poi, si è soffermata sulla querelle degli ultimi giorni sulla necessità’ o meno di preservare la scalinata con una cancellata e ha annunciato un’ordinanza già pronta: “L’amministrazione vigilerà affinchè l’uso di Trinità dei Monti non si trasformi in abuso. Non vogliamo chiudere la città, ma prevenire usi distorti”.

IL RESTAURO DA OTTOBRE 2015 A OGGI

Dopo il primo periodo di chiusura completa, dal 7 dicembre 2015 la scalinata è stata di nuovo accessibile nelle ore diurne da una delle due rampe laterali all’interno dell’area di cantiere, ma poi è stata richiusa dal 30 maggio per il completamento dei lavori. A un trattamento biocido è seguita la pulitura realizzata con mezzi meccanici, mentre la stuccatura dei giunti e delle mancanze è stata eseguita con malte a base di calce e polveri di marmo e travertino. Le operazioni più complesse sono state realizzate per il ripristino dei gradini e dei parapetti, dove la rimozione delle piante infestanti ha reso necessario smontare e rimontare le copertine in travertino. A causa delle lesioni presenti sulla rampa superiore, lato Mignanelli, sono stati effettuati carotaggi e indagini geognostiche per verificare le strutture murarie che sono state bonificate dalla vegetazione, mentre gli intonaci sono stati ripristinati con lavori su fune. Immancabili, infine, una nuova illuminazione artistica a led, il restauro di 16 lampioni in ghisa e il potenziamento della videosorveglianza.

trinita_monti_inaugurazione

AD BULGARI: “DOVERE RIDARE A ROMA CIO’ CHE CI HA DATO”

“È doveroso restituire alla città che ci ha resi famosi un po’ di ciò che abbiamo ricevuto da Roma, che è la città più bella al mondo e vogliamo che queste opere restino nel presente e nel futuro“. Lo ha detto l’amministratore delegato della maison Bulgari, Jean Christophe Babin, che oggi ha preso parte all’inaugurazione della riapertura della scalinata di Trinità dei Monti dopo il restauro finanziato dalla maison romana con un milione e mezzo di euro. L’ad ha poi ricordato altri interventi sul patrimonio della Capitale finanziati da Bulgari, “come le Terme di Caracalla e l’illuminazione di palazzo Braschi. Bulgari è il nome romano più ammirato, ed è un ambasciatore della città nel mondo. E’ nato gioielliere 132 anni fa- ha ricordato Babin- e il gioiello è espressione artistica che trasforma la nostra bellezza, trasforma le gemme in opere d’arte eterne. La maison è molto vicina all’arte e si è ispirata all’arte e alla architettura della città”.

di Nicoletta Di Placido, giornalista professionista

22 settembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»