Omofobia, nuova aggressione a Roma. Gay center: “Chiediamo incontro a Raggi”

ROMA – Nuova aggressione omofoba a Roma. Domenica, alle 23, in viale Marconi, scrive Gay Center, “tre giovani italiani tra i 25 e i 30 anni hanno aggredito un ragazzo gay di 21 anni, dopo avergli chiesto ‘Sei fro**o?’. Una contusione alla mandibola, ematomi su naso, nuca, guancia e uno stiramento sulla gamba sinistra, la e aggressione è stata riferita dagli amici del ragazzo al servizio Gay Help Line 800713713, dal quale abbiamo offerto subito assistenza alla vittima”.

La stessa vittima dell’aggressione ha raccontato come si sarebbero svolti i fatti: “Prima di aggredirmi mi hanno chiesto sei frocio- ha spiegato- ed ho negato per paura come se fosse una colpa. Trovo ingiusto che persone del genere possano avere un figlio e io no”, ha dichiarato invitando a non avere paura.

Spiega Fabrizio Marrazzo, responsabile Gay Center e del numero verde Gay Help Line 800 713 713, a cui arrivano ogni anno circa 20 mila segnalazioni: “Serve subito una legge contro l’omofobia. Il numero di aggressioni registrate in Italia richiede un pronto intervento del governo, ci sono oltre 50 episodi di omofobia al giorno, per questo facciamo appello al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al sottosegretario Vincenzo Spadafora”.

Conclude Marrazzo: “È necessario un piano concreto contro l’omofobia, partendo da Roma, per questo richiediamo anche un incontro urgente alla Sindaca di Roma Virginia Raggi”.

 
 
22 Agosto 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»