Asia Argento, selfie e messaggi confermano sesso con Bennett

ROMA – Colpo di scena nella vicenda Asia Argento, protagonista secondo il New York Times di un’ “aggressione sessuale” ai danni dell’attore Jimmy Bennett, avvenuta quando quest’ultimo aveva appena 17 anni. L’attrice e regista ieri ha negato che cio’ sia mai avvenuto cosi come di aver pagato per comprare il silenzio di Bennett (sempre secondo il Nyt avrebbe versato 380mila dollari in favore del giovane), ma alcuni messaggi che Argento avrebbe inviato a una sua amica confermerebbero la relazione intercorsa tra i due. A pubblicare gli screenshot della conversazione tra le due oggi è stato il sito scandalistico americano Tmz. A correlare il tutto alcuni scatti a letto della regista insieme al ‘baby attore’, che nel 2004 sul set di “Ingannevole è il cuore più di ogni cosa” interpretava suo figlio.

Nella conversazione tra Argento e la sua amica si legge: “Non è stato stupro ma ero gelata. Lui era sopra di me dopo avermi detto che sono stata la sua fantasia sessuale da quando aveva 12 anni“.  E ancora: “Ho fatto sesso con lui ed è stato strano. Non sapevo fosse minorenne fino a quando non è arrivata la lettera dell’estorsione. Non l’ho denunciato perché mi dispiaceva per questo piccolo attore fallito. Ho 80 pagine su di lui di un investigatore privato assunto da Bourdain. Tutte le mail di Antony mi spingevano ad accettare di pagare. Le mie mail con Carrie in cui dicevo di non essere d’accordo”.

Nel caso ‘Argento-Bennett” sarebbe coinvolto quindi anche l’ex fidanzato della regista, lo chef Anthony Bourdain, suicidatosi lo scorso giugno. Sempre secondo Tmz, che ha riferito di aver visionato alcuni messaggi tra quest’ultimo e l’attrice, sarebbe stato proprio Bourdain a pagare il silenzio di Bennett:  “Non è l’ammissione di niente, nessun tentativo di comprare il silenzio, solo un’offerta per aiutare un’anima torturata che cerca disperatamente di spillarti soldi”, avrebbe scritto Bourdain ad Argento.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

22 Agosto 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»