AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE campania

Terremoto, il Comune di Ischia si ribella: “Crolli non connessi all’abusivismo”

ischiaROMA –  Non c’è nessuna connessione tra l’abusivismo edilizio e i danni conseguenti al sisma di ieri sera.

Ad affermarlo il Comune di Ischia con un post su Facebook, che risponde così alle accuse di queste ore secondo le quali un terremoto del quarto grado non può avere queste conseguenze.

LEGGI ANCHE Ischia, Cnr: “Isola ad alto rischio, ma tante case abusive”

“L’Amministrazione tutta condanna le notizie false relative a presunti danni in tutta l’isola e le inesistenti connessioni tra l’evento sismico e i fenomeni legati all’abusivismo edilizio”, si legge nella nota.

“All’indomani dell’evento sismico registratosi nella serata di ieri 21 Agosto, con epicentro a mare al largo di Ischia- continua il comunicato- l’Amministrazione esprime cordoglio e vicinanza alle famiglie delle due vittime del terremoto che ha colpito la zona Nord occidentale dell’isola e in particolare il Comune di Casamicciola Terme. In questa tragica circostanza, anche al fine di rassicurare gli ospiti dell’isola e i loro familiari, in Italia e all’estero, che apprendono le notizie dai media, è opportuno ribadire che, mentre ancora si scava nella zona alta di Casamicciola Terme, duramente colpita, gran parte dell’isola, dove non si è registrato alcun crollo né danni a persone e a edifici, torna – velata di tristezza per le vittime – alla normalità dei trasporti pubblici mai interrotti, delle strutture turistico-ricettive e degli esercizi pubblici aperti e a disposizione degli ospiti”.

L’Amministrazione, inoltre, “invita la popolazione residente e gli ospiti dell’isola a stringersi ai soccorritori non facendo mancare il sostegno della vicinanza e della solidarietà. Ai Vigili del fuoco, alla Protezione Civile e alle Forze dell’ordine va il nostro grazie per la straordinaria opera di assistenza alla popolazione”.

22 agosto 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988