AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Zingaretti: “Surf Expo esempio che vogliamo valorizzare”

ROMA – E’ iniziata il 21 luglio e terminerà il 23 luglio, la 19ª edizione di Italia Surf Expo, il più grande evento di surf e di boardsports del nostro Paese a ingresso gratuito, ospitato nella splendida location del Castello di Santa Severa.

L’evento è ormai diventato un appuntamento fisso dell’estate romana con giornate piene di appuntamenti dal mattino fino a notte fonda.

“’Surf Expo’ è un esempio della bellezza e delle tante opportunità che ci sono nel Lazio- ha dichiarato all’agenzia Dire Nicola Zingaretti, davanti allo stand della Regione Lazio a Surf Expo- qui grandi campioni del surf sono cresciuti e oggi c’è un turismo possibile che noi vogliamo valorizzare. Un turismo fatto di giovani che porta sport e porta anche economia, è per questo che unire il Castello di Santa Severa al ‘Surf Expo’ è un’idea per promuovere il benessere sviluppo e opportunità di crescita”.

La Regione Lazio, come ogni anno, patrocinerà l’evento e sarà presente per tutto il weekend con uno stand informativo per promuovere il territorio.

Presenti anche il Comune di Santa Marinella e la Federazione Italiana Sci Nautico e Wakeboard. Assolutamente da non perdere la premiére di ‘Shredding Monster’, in programma sabato 22 luglio: uno spettacolare documentario realizzato da Olympic Channel che racconta le imprese dei gladiatori delle onde giganti a Nazaré, in Portogallo, il più imponente spot divenuto celebre per le sue big waves (grandi onde), scoperte dal recordman Garret McNamara, capaci di superare i 20 metri di altezza e realizzare misure da Guinness dei primati. Il lungometraggio sarà un’anteprima assoluta per l’Italia e vedrà tra i protagonisti non solo il nostro Alessandro Marcianò ma anche il britannico Andrew Cotton e il portoghese Hugo Vau, vere icone mondiali del Big Wave Riding per la prima volta presenti al Surf Expo.

22 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram