Bimbo si perde sulla spiaggia, la Polizia lo riaccompagna dalla mamma - DIRE.it

Emilia Romagna

Bimbo si perde sulla spiaggia, la Polizia lo riaccompagna dalla mamma

bambino_mare2

RIMINI – Dopo aver vagato in spiaggia a lungo senza riuscire a ritrovare il suo ombrellone, si è fermato sul marciapiede e si è messo a piangere. Lì la Polizia stradale lo ha visto e ‘raccolto’. Poi, nel giro di un quarto d’ora, lo ha riportato nelle braccia della sua mamma. Questa storia a lieto fine arriva da Torre Pedrera, in provincia di Rimini, dove lo scorso week end il bambino (e anche la mamma) hanno vissuto una brutta mezz’ora.

bambino_mareIl bimbo è stato avvistato intorno alle 8.30 da una pattuglia della Polizia stradale: era seduto sul marciapiede a ridosso della spiaggia e piangeva. I pattuglianti si sono avvicinati al piccolo, che però era inconsolabile: non trovava più la mamma e non sapeva neanche dire agli agenti dove alloggiasse. Con un po’ di fatica uno dei poliziotti è riuscito a farlo calmare e lo ha convinto a salire in auto. Tutto d’un tratto, il bambino ha smesso di colpo di piangere e ha cominciato a fissare le varie apparecchiature presenti sulla macchina, riempiendo di domande gli agenti sui dispositivi di allarme visivi e sonori (sirena e lampeggiante) presenti sul veicolo.A quel punto è partita la ricerca della mamma: la pattuglia ha iniziato a percorrere il lungomare di Torre Pedrera per individuare dove stesse di alloggio il bambino. Durante il tragitto, al piccolo è venuto anche in mente il residence in cui si trovava. Dopo circa 15 minuti la pattuglia è riuscita a rintracciare la mamma, agitatissima e in preda ad una crisi nervosa. Anche lei lo stava cercando, ma stava percorrendo il lungomare in direzione opposta a quella presa dal bambino. Tutto bene quel che finisce bene: mamma e bimbo si sono abbracciati e i poliziotti si sono guadagnati tanti ringraziamenti.

22 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»