Welfare

Maturità, Ambra: Ero bambina “prodigio”, ma per me fu complicata /VIDEO

ROMA – “La mia maturità la ricordo bene, anche perché ero una bambina ‘prodigio’… Che orrore! Per me è stato molto difficile, perché da una parte attorno a me c’era molto clamore e dall’altra invece ero sempre sola, con gli insegnanti privati. E questa non è una cosa molto semplice da capire”. Risponde così l’attrice Ambra Angiolini, interpellata dall’Agenzia Dire sul ricordo del suo esame di maturità nello speciale sul tema a cura di diregiovani.it. “Quanto ho preso? Tanto- risponde Ambra- Non mi piace tirarmela in questo senso, ma a scuola sono sempre stata brava”.


Bambina prodigio e secchiona, quindi? “Sì, può essere… Ma queste domande bisognerebbe farle a mia madre”. E se tornassi indietro, faresti ancora tv da bimba ‘prodigio’? “Essere una bambina prodigio- risponde ancora l’attrice all’Agenzia Dire- è un qualcosa che va al di là della tua volontà, di quello che tu scegli o non scegli di fare. Sono quelle cose che nella vita succedono e a me è successo. Subito dopo, però- conclude- ho avuto il coraggio di crescere, io”.

 

22 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»