Lega-M5s:”Conte premier”, ma Mattarella prosegue consultazioni: oggi Fico e Casellati

ROMA – Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha deciso di non conferire subito l’incarico al nuovo premier (ieri Di Maio e Salvini durante io colloquio al Quirinale hanno fatto il nome di Giuseppe Conte) ma di consultarsi prima con i presidenti delle Camere, a cui aveva dato il mandato esplorativo. Mattarella ricevera’ al Quirinale alle 11 il presidente della Camera dei deputati Roberto Fico e alle 12 il presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati.

IERI L’INCONTRO CON DI MAIO E SALVINI: “CONTE NOSTRO PREMIER”

ROMA – “Credo che possiamo dire di essere in un momento storico: abbiamo indicato al presidente della Repubblica il nome che al meglio può portare avanti con una leadership storica il contratto di governo”. Lo dice Luigi Di Maio, dopo l’incontro con Sergio Mattarella.  “Sono molto contento e orgoglioso del nome di Giuseppe Conte“, prosegue Di Maio, “Conte incarna veramente tutti quei valori che ci portiamo come persone e essere umani in questo Movimento: onestà, competenza, sensibilità. E’ la persona più politica che potevamo mettere a capo di questo governo”.

A stretto giro arrivano le dichiarazioni di Matteo Salvini, che dopo aver incontrato il presidente Mattarella parla con i cronisti: “Noi ci siamo, siamo pronti, abbiamo fatto il nome, abbiamo ben chiara la squadra e il progetto di Paese, vogliosi di partire e far crescere l’economia di questo Paese. Leggiamo con stupore dichiarazioni che arrivano da ministri di altri Paesi e commissari, non hanno niente di cui preoccuparsi, nulla da temere. Il governo vuole far crescere economia e lavoro”. Lo dice Matteo Salvini, dopo l’incontro con Sergio Mattarella.

DI MAIO: “NOSTRO LEADER È IL PROGRAMMA”

“Il nostro obiettivo è migliorare la qualita’ di vita degli italiani. E’ un momento storico perché in questi 80 giorni abbiamo imposto un metodo: prima discutiamo dei temi e poi dei nomi. Ed è giusto che sia così anche nel futuro, le questioni degli italiani prima di ogni cosa. Sono orgoglioso di aver portato al governo del Paese il nostro vero leader che è il nostro programma elettorale”.  “Sarà un governo magari inaspettato ma votato, perché non si basa su cambi di casacca o tradimento mandato elettorale. Un governo che nascerà al rialzo sui temi, una grande occasione per l’Italia”.

DI MAIO: IO E SALVINI MINISTRI, SVILUPPO ECONOMICO A M5S

“Con Salvini siamo d’accordo che saremo nella squadra di governo, ma non abbiamo ancora completato le caselle. E’ chiaro che un ministero come lo Sviluppo economico con dentro il lavoro deve andare ai Cinque stelle“. 

“CON OK DA MATTARELLA SARA’ GOVERNO POLITICO”

Nel programma di governo “ci sono le nostre grandi battaglie storiche, abbiamo tanto da fare. Qualora il presidente della Repubblica dovesse valutare il nostro nome giusto sarà un governo politico“.

“ORA PUÒ NASCERE TERZA REPUBBLICA”

“Abbiamo lavorato tanto, siamo pienamente soddisfatti del lavoro svolto. Speriamo che dopo le valutazioni del presidente della Repubblica si possa iniziare questo nuovo percorso per la Repubblica italiana. Sono stati ottanta giorni in cui è valsa la pena di prendere tempo e fare valutazioni se adesso nasce davvero la terza Repubblica”.

“CRITICHE DA STAMPA ESTERA? FATECI INIZIARE…”

Fateci iniziare…”. Così Luigi Di Maio replica ai cronisti che gli chiedono una reazione alle preoccupazioni espresse dalla stampa estera sul nascente governo, lasciando Montecitorio per recarsi al Quirinale.

SALVINI: “GOVERNO CHE NASCE NON SARA’ REMISSIVO, GUARDA AL FUTURO”

“Anche il voto della Valle d’Aosta ci dice che c’è voglia, fiducia e speranza. Il governo che nasce non sarà remissivo, ma con fiducia e voglia di futuro. Al centro gli italiani”. Lo dice Matteo Salvini, dopo l’incontro con Sergio Mattarella. “Il governo nasce su radici solide- aggiunge- non ci sarà nulla campato per aria. Guardiamo al futuro”.

“Vogliamo un governo- dice ancora Salvini- che metta l’interesse nazionale italiano al centro rispettando tutti e tutti”. Quirinale.

“DAREMO A FIGLI MONDO MIGLIORE”

“Non è possibile che il 20% degli italiani usino psicofarmaci, una cosa legata alla precarietà e alla insicurezza, contiamo di lasciare ai nostri figli un mondo migliore, con un maggior indicatore di sicurezza. Siamo pronti a partire”. Lo dice Lo dice Matteo Salvini, al termine delle consultazioni al Quirinale con il Capo dello Stato Sergio Mattarella.

“SARA’ ESECUTIVO DEL FARE, ELETTORI VIGILANTES”

“Questo sara’ un governo delle cose da fare, mese per mese. E voi dovete essere insieme con me i vigilantes, i controllori”.

“NOI E M5S DIVERSI MA LEALI E COERENTI”

Non sono Superman, non sto per spiccare il volo, non sono capace a farlo. L’accordo col MS5 è figlio di due forze politiche diverse, mantenendo lealta’ e coerenza“. 

“FARE POCHE COSE E BENE NELL’INTERESSE ITALIANI”

“Dobbiamo fare poche cose e farle bene, sempre con l’interesse degli italiani prima di tutto”.

“MI SAREBBE PIACIUTO FARE IL PREMIER”

“Mi sarebbe piaciuto fare il presidente del Consiglio, ma non e’ un governo solo della Lega, non abbiamo ancora la maggioranza assoluta”

“RIVOLUZIONE TRANQUILLA E DEL BUON SENSO, GRAZIE AI SOCIAL”

E’ una “rivoluzione tranquilla e del buon senso”. Salvini ringrazia i tanti che lo seguono su facebook. “Senza di voi non ce l’avrei mai fatta. Se avessi dovuto contare solo su giornalini e giornaloni e telvisioncine e televisioncione, non ce l’avremmo mai fatta”

“IO CON LE MAMME QUELLE COL PANCIONE, NON GENITORE UNO E DUE”

“La mamma col pancione. La mamma. Non il genitore uno e il genitore due. La mamma e il papa’”, dice Matteo Salvini, su facebook, a proposito di quali saranno i riferimenti del suo governo.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

22 Maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»