Africa, ecco Wakaliwood: un'industria di cinema nella baraccopoli - DIRE.it

Mondo

Africa, ecco Wakaliwood: un’industria di cinema nella baraccopoli

cinema

ROMA – Scene di lotta, sparatorie, inseguimenti, esplosioni e acrobazie di ogni genere&hellip, il tutto confezionato con vera passione per il cinema, creatività, scarsissime risorse ed effetti speciali rudimentali. Benvenuti a Wakaliwood, la prima industria africana specializzata nella produzione di film d’azione. A questa particolarissima e per certi versi straordinaria esperienza e al suo principale protagonista, Isaac Godfrey Nabwana, è dedicato un articolo di Giusy Baioni pubblicato dal settimanale Africa. Siamo a Wakaliga, una baraccopoli alla periferia di Kampala, la capitale dell’Uganda.

E’ qui che Isaac Godfrey Nabwana ha fondato la Ramon film production coinvolgendo nel suo sogno i poverissimi abitanti come attori, scenografi, distributori. Regista, produttore, cameraman e montatore, Isaac ha prodotto 46 film in nove anni ispirandosi alle pellicole d’azione occidentali, a partire da quelle che vedeva da bambino e che avevano come protagonisti Chuck Norris, Bruce Lee, Arnold Schwarzenegger, Bud Spencer. Il tutto calato però nella realtà ugandese e anche nelle sue drammatiche
esperienze personali. Per fare un esempio, uno dei suoi massimi successi, “Chi ha ucciso il capitano Alex”, ripercorre i drammatici giorni della dittatura di Idi Amin.

pellicolaaProdurre un film costa pochissimo: il budget è inferiore ai 200 euro. Gli effetti speciali sono ottenuti con rudimentali effetti al computer e grazie all’opera di truccatori. Il sangue, che in molte di queste pellicole scorre a fiumi, è ottenuto con colorante alimentare contenuto in un condom. Gli studi della casa di produzione sono una dependance dell’umile abitazione di Isaac: una stanzetta con pc e attrezzature per l’editing. Gli strumenti di scena invece, sono assemblati da Dauda Bisaso, attore e meccanico-fabbro. Le sue creazioni nascono da materiale di fortuna. Può assemblare un’enorme mitragliatrice utilizzando pezzi di motori e altri ingranaggi recuperati in discarica.

Poi, appena termina il montaggio, i dvd vengono venduti porta a porta dallo stesso cast di attori che così si guadagnano il meritato compenso. Una copia costa meno di un euro e ne vengono vendute dalle 600 alle 1000. Quindi la casa di produzione “è ampiamente in attivo”, come afferma con orgoglio lo stesso Isaac . “Il pubblico cresce e, all’estero, aumenta l’attenzione nei nostri confronti“, continua Isaac che non smette di sognare in grande: “La prossima volta che tornerete a trovarmi in questo slum vedrete con i vostri occhi i più begli action studios del mondo”.

Ma se in Uganda l’industria del cinema prende il volo, in altri paesi dell’Africa vive un momento molto buio. L’articolo si sofferma soprattutto sulla situazione della Repubblica Democratica del Congo, dove nella capitale Kinshasa l’ultima sala ha chiuso nel 2004. La colpa e della crisi economica, dei dvd piratati ma non solo. Anche del fanatismo e della campagna demonizzatrice delle Chiese cristiane, sette evangeliche e pentecostali che mischiano superstizione e Vangelo. Alla morte del cinema in Congo è dedicato il film La Belle at the Movies di Cecilia Zoppelletto.

(www.redattoresociale.it)

22 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»