Per Di Maio Pasqua nel mare di Sardegna, e i sindacati: “Chi è al lavoro si sente preso in giro”

Di Maio augura la buona pasqua postando una foto di un'immersione in Sardegna. I Cobas insorgono: "La legge per far passare le feste in famiglia, solo promessa bufala elettorale, così prende in giro chi lavora"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un post con foto sorridente mentre si immerge nelle meravigliose acque della Sardegna: “Buona Pasqua a tutti, state con le persone che vi fanno stare bene e fatele stare bene a vostra volta. Un saluto dagli splendidi fondali della Sardegna!”. Ma per i sindacati diventa una grave offesa nei confronti di chi i giorno di Pasqua lavora, visto che la legge per impedire il lavoro nei giorni festivi non è mai arrivata in porto.

“Di Maio dice di voler combattere la casta ma si comporta come parte di essa”

“Tanto basta a far giustamente infuriare i commessi che nelle giornate di Pasqua e Pasquetta sono costretti tra le mura dei negozi, dei supermercati e dei centri commerciali“, afferma Francesco Iacovone, del Cobas nazionale. Il cosiddetto ‘Governo del cambiamento’ “non ha cambiato proprio nulla, una proposta di legge arenata in commissione e la promessa che il passato Natale i commessi lo avrebbero trascorso in famiglia che si è rivelata la solita bufala elettorale“.

Il vicepresidente del Consiglio, infatti, “passa dalle piste da sci delle località esclusive con Di Battista in inverno, al mare della Sardegna in primavera- prosegue il rappresentante sindacale- posta selfie e video di auguri, ma della legge nemmeno l’ombra. E i commessi si sentono presi in giro da chi diceva di voler abbattere la casta, ma si comporta in tutto e per tutto come parte di essa”.

Il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro “è ora che cominci a dare seguito alle sue promesse e dignità ai lavoratori del commercio, che in questi giorni di ponte per quasi tutti gli italiani, sono costretti ad un super lavoro con turni massacranti e orari assurdi”, conclude Iacovone.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»