Cina, Italia e’ ospite d’onore alla Fiera della tecnologia a Shanghai

ricerca_tecnologia

L’Italia e’ per la prima volta ospite d’onore alla Fiera della tecnologia a Shanghai, appuntamento inaugurato ieri dal ministro dell’Istruzione, dell’universita’ e della ricerca, Stefania Giannini, e dal ministro cinese per la Scienza e la tecnologia Wan Gang. Con questo invito, si legge sul sito della Farnesina, l’Italia si profila al piu’ alto livello come Paese tecnologicamente avanzato in una realta’ che peraltro si sta trasformando da economia prevalentemente manifatturiera in economia sempre piu’ articolata e diversificata.

La delegazione italiana e’ stata ricevuta al piu’ alto livello con incontri con Wan e il sindaco di Shanghai Yang Xiong. Negli ultimi dieci anni e’ cresciuta molto la collaborazione scientifico-tecnologica tra Italia e Cina. A dimostrazione di questa tendenza si e’ giunti alla sesta edizione del Forum bilaterale per l’innovazione e sono operanti circa 500 accordi tra centri e laboratori di ricerca italiani e cinesi. L’Italia presenta alla Fiera della tecnologia il tema delle Smart Cities, in maniera coerente con le priorita’ del Comitato governativo italo-cinese, in particolare l’urbanizzazione sostenibile.

La partecipazione italiana alla Fiera della tecnologia e’ una importante iniziativa di promozione integrata economica e scientifico-tecnologica, cui hanno preso parte i ministeri dell’Istruzione, universita’ e ricerca, degli Esteri e cooperazione, dell’Ambiente e dello Sviluppo economico e l’Istituto per il commercio estero (Ice) con 60 tra aziende, consorzi, enti di ricerca e universita’ al fine di presentare il meglio della tecnologia italiana e fornire un ulteriore slancio alle nostre aziende. Shanghai, prima citta’ cinese con 25 milioni di abitanti e un Prodotto interno lordo di 350 miliardi di euro, superiore a quello della Danimarca e del Sudafrica, punta a diventare un centro mondiale della ricerca e dell’innovazione. 

22 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»