Cittadinanza a ragazzino-eroe, Conte: “È singolo caso”. Di Maio: “Ius soli non è in agenda di governo”

Il dibattito è scaturito dalla proposta di concedere la cittadinanza a uno dei bambini coinvolti nell’incendio dell’autobus a San Donato milanese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si riapre il tema dello ius soli? “Qui stiamo parlando di un singolo caso, non approfittiamo in modo strumentale per riaprire una prospettiva più ampia”. Lo dice il premier Giuseppe Conte a Bruxelles, sul dibattito scaturito alla proposta di concedere la cittadinanza a uno dei bambini coinvolti nell’incendio dell’autobus a San Donato milanese. “Mi farà piacere incontrare i piccoli eroi- aggiunge- e sicuramente come è stato detto dai ministri competenti è molto bella la proposta di Di Maio e mi sembra che anche Salvini stia istruendo la questione, sarebbe bello dare questo riconoscimento”.

IUS SOLI, DI MAIO: NON E’ NELL’AGENDA DI GOVERNO

“Lo ius soli non e’ nell’agenda di governo, questi temi sono da affrontare a livello europeo. Se vogliamo affrontare insieme a livello europeo il tema della cittadinanza per me va bene”. Lo afferma il vicepremier Luigi Di Maio, ospite ad Agorà su Rai3.

SALVINI: PER CITTADINANZA STIAMO VALUTANDO

“Spero che i ragazzi abbiamo il giusto riconoscimento, stiamo valutando. La cittadinanza è preziosa, la cittadinanza si può dare, e si può togliere. Non è il biglietto del luna park come ci facevano credere in passato”. Lo dice Matteo Salvini, ospite di Mattino cinque, parlando dei bambini che hanno dato l’allarme dal bus sequestrato da Ousseynou Sy.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»