Impasse sulle Camere, Di Maio: "Romani per noi invotabile, serve nuovo incontro"

Politica

Impasse sulle Camere, tutto da rifare. Di Maio: “Romani per noi invotabile, serve nuovo incontro”

ROMA – “Nelle ultime ore notiamo che ci sono difficoltà nel percorso che porta all’individuazione dei Presidenti delle Camere”. Lo scrive su facebook Luigi Di Maio (M5s).

“Per questa ragione proponiamo un nuovo incontro tra i capigruppo di tutte le forze politiche per ristabilire un dialogo proficuo al fine di un corretto processo per l’individuazione delle figure di garanzia per le presidenze delle Camere”, aggiunge Di Maio.

DI MAIO: PD RIFIUTA PARTECIPARE E ROMANI INVOTABILE

“Il Pd si è rifiutato di partecipare al tavolo di concertazione proposto dal centrodestra, e lo stesso centrodestra continua a proporre la candidatura di Romani che per noi è invotabile“. 

Paolo Romani è rimasto infatti il candidato del centrodestra alla presidenza del Senato, confermato dal vertice tenutosi oggi a palazzo Grazioli tra Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini.

ROSATO: È COLPA PD SE NON TROVA ACCORDO CON BERLUSCONI?

Se si riparte da zero, ci chiamino, andremo volentieri. Ma se hanno già deciso che una presidenza va ai Cinque stelle e una al centrodestra che ci chiamano a a fare?”. Così Ettore Rosato, capogruppo del Pd, risponde a Luigi Di Maio e rilancia: “Se non è più così, Di Maio ce lo dica. Io sono molto rispettoso di Facebook, ma ci sono molti tipi di interlocuzione. Non possono mica dare la colpa al Pd se non riescono a mettersi d’accordo”.

22 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»