Grasso: “No posizioni aventiniane, dialoghiamo e facciamo proposte”

ROMA – Sui candidati presidenti di Camera e Senato “siamo stati consultati e siamo pienamente nel dialogo, vi restiamo e non assumeremo posizione aventiniane”. Lo dice il leader di Leu, Pietro Grasso, in conferenza stampa alla Camera. “Intendiamo partecipare attivamente e richiedere contatti bilaterali, possiamo dare un contributo”. Sui nomi che girano Grasso taglia corto: “Nei colloquio che ho avuto non sono stati fatti nomi”.

“PRONTI 4 DDL, LA NOSTRA BASE PER STABILIRE RAPPORTI CON GLI ALTRI PARTITI”

“Vogliamo riportare l’attenzione sulle politiche e sul paese reale. Presenteremo subito 4 ddl in parlamento: reintroduzione dell’articolo 18, abolizione del super ticket, Ius soli, riduzione del consumo di suolo. Su questi temi si baserà qualsiasi rapporto con le altre forze politiche, sono temi inderogabili per quanto riguarda le nostre posizioni politiche”, prosegue il leader di Leu in conferenza stampa alla Camera.

“PRESIDENZE A FIGURE DI GARANZIA, NO CONDANNATI”

Per la presidenza di Camera e Senato servono “figure istituzionali, di garanzia e che possano apparire come tali. Devono distaccarsi una volta elette da quelle che sono le politiche e le problematiche del loro partito”. Pietro Grasso, leader di Leu, nel corso di una conferenza stampa a Montecitorio mette i suoi paletti: “Per noi vale il regolamento interno che ci siamo dati: una persona condannata, anche solo in primo grado, è impresentabile e incandidabile”.  
22 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»