Bandiere a mezz'asta a Palazzo Chigi, issato tricolore belga. Renzi invoca un patto europeo VIDEO - DIRE.it

Politica

Bandiere a mezz’asta a Palazzo Chigi, issato tricolore belga. Renzi invoca un patto europeo VIDEO

bandiere_belgio_palazzo_chigi

ROMA  – Bandiere a mezz’asta a palazzo Chigi in segno di lutto per gli attentati di Bruxelles. Accanto al tricolore e alla bandiera dell’Unione europea, sulla facciata della sede di governo sventola anche la bandiera belga.

“Non e’ il tempo degli sciacalli, ma non e’ neppure il tempo delle colombe. Ci vuole un patto europeo”. Lo ha detto il presidente del consiglio, Matteo Renzi, in una dichiarazione alla stampa dopo gli attentati di Bruxelles.

“Sappiamo che li sconfiggeremo ma che serviranno mesi e forse anni. Che abbiamo bisogno di tutto il nostro coraggio, di tutta la nostra intelligenza e la nostra energia. Chi promette soluzioni miracolistiche non si rende conto di quanto sara’ lunga questa storia”, prosegue Renzi.

I servizi segreti lavorino di piu’ e meglio insieme con una collaborazione costante, puntuale e continua“, dice. “L’Italia ha un’esperienza da offrire, ahime’. Le forze militari italiane hanno dovuto affrontare negli ultimi decenni situazioni di emergenza terribili, dalla mafia, al terrorismo al brigatismo. Siamo totalmente a disposizione delle istituzioni europee per lavorare insieme a un progetto organico”, aggiunge Renzi.

Si’ a un piano di sicurezza unitario della Ue contro il rischio terrorismo ma “nello stesso momento- dice Matteo Renzi dopo gli attentati di Bruxelles- investiamo come abbiamo proposto da tempo, e torniamo a proporre qui, altrettante risorse nella cura delle nostre periferie“.

“Il territorio si presidia coi militari- ragiona Renzi- ma si deve presidiare anche coi maestri elementari. Va fatto con le forze di polizia ma anche col sociale, se vogliamo recuperare almeno la prossima generazione”.

22 marzo 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»