Da giugno ci sarà un nuovo treno Grosseto-Pisa-Firenze

treniFIRENZE – L’accordo quadro che verrà firmato il prossimo 1° aprile da Regione Toscana e Rfi non penalizza in alcun modo la costa, né quella nord né quella sud. A ribadirlo, in una nota, è l’assessore regionale ai Trasporti Vincenzo Ceccarelli, che a seguito delle dichiarazioni di Marco Sabatini, membro della segreteria regionale di Sel, che lamenta l’assenza di nuovi treni per la Maremma, spiega: “L’accordo non definisce i servizi ferroviari, ma serve per ‘prenotare’ gli spazi che da essi saranno utilizzati sulla rete ferroviaria. Per quanto riguarda i nuovi treni in Maremma, indipendentemente dall’accordo quadro- aggiunge poi Ceccarelli- voglio dire a Sabatini che prima di parlare farebbe bene ad informarsi, dato che un nuovo treno Grosseto-Pisa-Firenze verrà aggiunto ed entrerà in servizio già con il cambio di giugno. Risultato non da poco in un quadro economico estremamente complesso nel quale ci troviamo ad operare”. Il nuovo treno assumerà il numero 3132 ed avrà questi orari: partirà da Grosseto alle 5,50, fermerà a Follonica (6,15), Campiglia (6.26), poi seguirà la traccia dell’attuale 3104 con arrivo a Livorno alle ore 7.27, a Pisa Centrale alle ore 7.45 ed a Firenze S.Maria Novella alle ore 9.07.

Ceccarelli coglie l’occasione per tornare a ricordare che “la costa, e in particolare la linea Tirrenica, non ‘perderanno’ alcun treno in conseguenza della firma dell’accordo-quadro con Rfi. Al contrario- chiarisce-, al pari delle altre linee toscane, vedrà garantiti i presupposti per realizzare in futuro miglioramenti del servizio. Eventuali modifiche a numero, tipo e orario dei treni saranno programmati quando e dove saranno ritenuti necessari, non ora. Prima di parlare di penalizzazioni sarebbe sempre opportuno ricordare che la Toscana, nonostante il difficile momento per le finanze pubbliche, resta la Regione italiana con il maggior numero di treni pro-capite”.

di Carlandrea Poli, giornalista

22 Mar 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»