Lombardia

Dopo arresto Rizzi, Maroni crea l’Anticorruzione regionale

maroniMILANO – “La vicenda Mantovani era legata a un episodio non collegato alla corruzione. Difatti la sua imputazione mi pare che sia relativa a una turbata libertà della gara. Qui siamo di fronte ad un sistema, ed è molto molto più grave. È per questo che quando parlo di rispetto delle regole significa che bisogna intervenire sul sistema dei controlli, passando dai controlli formali ai controlli di sostanza sui comportamenti“. Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni durante la conferenza stampa del dopo Giunta, illustrando poi quale sarà la missione istituzionale dell’Arac, autorità regionale anti corruzione, che sarà composta da un presidente e 4 membri nominati dal Consiglio regionale su proposta della Giunta e non aggraverà i procedimenti amministrativi, “evitando ricadute negative su cittadini e imprese”.
I 5 membri dell’autorità saranno scelti per la loro elevata professionalità, comprovate competenze ed esperienza in contrasto alla corruzione, non dovranno rivestire incarichi pubblici o cariche in partiti politici o in organizzazioni sindacali. La nomina durerà 3 anni, con possibile riconferma per un altro anno, alla fine del primo mandato, come si legge all’articolo 3 del pdl regionale.

L’Arac eserciterà la vigilanza e il controllo sull’efficacia effettiva delle misure adottate per prevenire e contrastare la corruzione e l’illegalità, analizzerà le cause e i fattori dei comportamenti correttivi e illegali, coordinerà l’aggiornamento del piano regionale anticorruzione e gli altri organi di controllo regionale, esprimerà pareri alle pubbliche amministrazioni che ne faranno richiesta su conformità ai codici etici dei comportamenti dei funzionari pubblici, riferirà in Consiglio regionale con un report annuale.
L’Arac avrà poteri di indirizzo, raccomandazione e controllo, e collaborerà con l’Autorità nazionale di Raffaele Cantone apportando un focus sulla regione Lombardia.

di Nicola Mente, giornalista

22 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»