Metro Roma, in arrivo nuovi treni: Raggi e Toninelli firmano convenzione da 425 milioni

Con la firma della convenzione si può considerare sbloccato il pacchetto di fondi da oltre 425 milioni di euro stanziato oltre un anno fa dal ministro dei Trasporti del precedente Governo, Graziano Delrio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, e la sindaca di Roma, Virginia Raggi hanno firmato oggi in Campidoglio la convenzione sulla destinazione dei 425 milioni di euro per l’ammodernamento delle metropolitane della Capitale. “Abbiamo appena firmato, la convenzione parte e i fondi saranno ben distribuiti tra le metro A e B”, ha detto Toninelli lasciando Palazzo Senatorio. “Questo significa che tra qualche mese chi si sposta nelle metropolitane romane potrà farlo meglio, più comodamente e più semplicemente. Meno guasti, più comodità nelle zone di attesa e penso anche più puntualità. Si vivrà un po’ meglio”, ha concluso il ministro.

Con la firma della convenzione di oggi tra il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli e la sindaca di Roma, Virginia Raggi si può considerare sbloccato il pacchetto di fondi da oltre 425 milioni di euro stanziato oltre un anno fa dal ministro dei Trasporti del precedente Governo, Graziano Delrio, che prevede investimenti per il settore del trasporto rapido di massa e che la Giunta capitolina aveva approvato lo scorso 28 dicembre. I fondi, di cui i primi 40 milioni dovrebbero arrivare entro gennaio, sono ripartiti in 134 milioni per la fornitura di 14 treni per le linee A e B, 184 milioni per banchine di galleria, impianti anti-incendio e interventi di adeguamento dell’alimentazione elettrica, 66 milioni per la manutenzione straordinaria del materiale rotabile, 36 milioni per il rinnovo del materiale rotabile della tratta della metro A tra Anagnina e Ottaviano, 5 milioni per la realizzazione di un sistema di controllo del traffico treni e di pannelli informativi per gli utenti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»