Fmi, Fortuna: “Italia non rappresenta un rischio per l’economia globale”

“Magari noi avessimo la forza di recitare un ruolo di primaria importanza nello scacchiere economico globale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMS – “Non sono d’accordo sulla considerazione che l’Italia rappresenti un rischio per l’economia globale. Non voglio pensare che il Fmi sia influenzato da fattori politici, ma affermare che il rischio Italia possa essere condizionante per l’economia globale mi sembra un po’ azzardato e anche fuori luogo”. Così Fabio Fortuna, economista e rettore dell’UniCusano, commentando su Radio Cusano Campus le stime del Fmi sull’Italia.

“Magari noi avessimo la forza di recitare un ruolo di primaria importanza nello scacchiere economico globale- aggiunge- ma non l’abbiamo. Noi subiamo tutti i mutamenti macroeconomici globali che ci influenzano positivamente o negativamente a seconda dei casi. Onestamente io sono rimasto perplesso da questa considerazione del Fmi. Il fatto che l’Italia abbia un andamento non particolarmente brillante e positivo possa costituire un elemento di pregiudizio anche nel contesto europeo, soprattutto dopo Brexit, questo sì, ma parlare di rischio per l’economia globale non mi sembra assolutamente condivisibile” conclude Fortuna.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»